NARCOS MESSICANI E COLLEGAMENTI CON L’AMERICA LATINA

Un dossier pubblicato sul El Nacional, quotidiano venezuelano, effettua un’articolata rassegna della presenza e del modus operandi del narcotraffico dei cartelli messicani nei vari stati dell’America Latina. In estrema sintesi, i dati e le informazioni disponibili attestano che i collegamenti strategici e operativi dei narcos messicani con altre reti criminali nei vari stati sono sempre più forti e articolati, coinvolgendo a volte ex gruppi guerriglieri, istituzioni locali e forze di polizia. Tali alleanze sono fondamentali per i narcos messicani, consentendo loro di estendere le reti di approvigionamento della coca e i collegamenti logistici e commerciali per il traffico di sostanze illegali. Globalmente, ciò consente a organizzazioni criminali messicane come Sinaloa e Jalisco Nueva Generación di rafforzare il controllo del traffico di droga via terra, mare e aria.

Riporta El Nacional: “Nonostante la conferma delle alleanze tra i narcotrafficanti messicani con gruppi in Colombia, Venezuela, El Salvador, Argentina, Brasile e Perù, non esiste una strategia comune da parte dei governi colpiti per combattere questo fenomeno. Ogni Stato ha condotto la propria lotta, internamente, o a malapena in comunicazione con un altro, o ha ignorato categoricamente la questione.
Per l’esperto messicano Márquez Blas, un fattore importante che ha facilitato il potere dei cartelli nella regione è il deterioramento della cooperazione bilaterale e multilaterale nella regione tra polizia e forze dell’ordine. “La cooperazione tra le forze dell’ordine si è deteriorata mentre è stato rafforzato il coordinamento delle organizzazioni criminali transnazionali”, afferma.

La Colombia ha accordi di cooperazione internazionale con tutti i paesi dell’emisfero, ad eccezione del Venezuela (sebbene il governo di Gustavo Petro abbia mosso i primi passi per riattivarlo), ma non una strategia specifica per contrastare la presenza dei narcotrafficanti messicani.
Gli Stati Uniti sono il suo principale partner nella lotta alla droga. Le autorità lavorano in modo coordinato, condividendo informazioni in tempo reale, ad esempio per sviluppare operazioni.
Con Petro al potere, la strategia potrebbe cambiare: il presidente ha offerto il dialogo al Clan del Golfo, all’ELN e ad altri gruppi, e ha offerto garanzie in cambio di un accordo di pace. Un’altra delle proposte di Petro è la legalizzazione della cannabis per scopi ricreativi, che potrebbe avere un certo impatto sul mondo del traffico di droga. In Venezuela, nel giugno 2021, il presidente Nicolás Maduro ha affermato che il suo governo è “risoluto nel porre fine al traffico di droga nel nostro territorio, ratifichiamo l’impegno a garantire una patria sicura, prospera e libera dalla droga”. Si tratta, di per sé, di una strategia incentrata sul sequestro di droga, ma non sulla lotta ai cartelli.
La rottura del dialogo con la Colombia ha giovato ai gruppi dediti al narcotraffico, che operano senza grossi problemi. Né in El Salvador c’è, almeno pubblicamente, alcun tipo di dialogo con altri governi della regione per affrontare insieme il problema. Nell’ultimo incontro tra il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador e il suo omologo salvadoregno Nayib Bukele, lo scorso maggio, non c’è stata alcuna allusione a un lavoro congiunto sul traffico di droga.

In Argentina, il Ministero della Sicurezza Nazionale ha recentemente promosso accordi di cooperazione con i governi del Paraguay e del Brasile, in particolare per lo scambio di informazioni relative alle operazioni delle organizzazioni nelle aree di confine. La principale preoccupazione di questo sforzo tripartito è attualmente l’attività del Primeiro Comando da Capital (PCC). Ma non c’è niente di simile con il governo messicano. Né in Brasile, dove il governo di Jair Bolsonaro non è molto vicino a quello di López Obrador, essendo di tendenze politiche totalmente opposte. In Perù, la strategia dei governi negli ultimi anni è stata quella di “allagare” le aree in cui viene prodotta la cocaina, vietando l’ingresso di input chimici e implementando un piano per sradicare le colture di foglie di coca. Tuttavia, le indagini indicano che l’abbandono dello Stato in queste località, e la corruzione delle autorità civili e delle istituzioni armate, aiuta il traffico di droga a rimanere la principale attività economica in alcune regioni.
Nonostante siano i principali produttori di cocaina nel mondo, Colombia, Perù e Bolivia operano in modo indipendente.”

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in COCAINA, NORMATIVA, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE, SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.