TABACCO COME FATTORE DI PROTEZIONE DAL COVID-19: RITIRATO UNO STUDIO

Un articolo de il Guardian informa che uno studio, pubblicato lo scorso luglio sulla rivista European Respiratory Journal, che sosteneva che i fumatori, rispetto ai non fumatori, avessero il 23% di probabilità in meno di essere infetti da Covid-19, è stato ritirato dalla rivista dopo che è emerso che i due autori avevano falsamente dichiarato di non essere in conflitto d’interessi con l’industria del tabacco. Le conclusioni dell’articolo, proprio per la tesi paradossale, contro-intuitiva avanzata era stata ripresa da diversi media. A distanza di mesi, tuttavia, è emerso che entrambi gli autori, ai tempi dello studio, erano consulenti per società collegate all’industria del fumo, circostanza che ha portato ora la rivista a pubblicare una nota di rettifica su quanto acceduto e a ritirare lo studio. I due autori si sono dichiarati contrari alla decisione, sostendendo che il loro conflitto d’interessi non aveva influito in alcun modo dal punto di vista scientifico.

LINK ALLA NOTIZIA (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, TABACCO. Contrassegna il permalink.