USO DI CANNABIS IN GRAVIDANZA E AUMENTO DEL RISCHIO DI AUTISMO

Secondo un recente studio, i bambini nati da madri che riportano di avere usato cannabis, durante la gravidanza, hanno circa il 50% di probabilità in più di sviluppare forme di autismo.
“Vi è un importante parallelismo con l’uso di alcol”, afferma Dr Daniel Corsi, un epidemiologo dell’Ottawa Hospital Research Institute, co-autore dello studio, “Ora che è diventata una raccomandazione universale di non usare alcol in gravidanza, penso che un’analoga raccomandazione dovrebbe essere fatta per l’uso di cannabis in gravidanza”, aggiungendo che sarebbe particolarmente importante a causa della legalizzazione dell’uso di cannabis per scopi ricreazioni in Canada nel 2018.
Nello studio, pubblicato su Nature Journal, il team ha analizzato i dati di quasi mezzo milione di nascite avvenute in Ontario fra 2007 e 2012. I bambini sono stati monitorati fino al 2017, con la registrazione delle diagnosi di autismo per 18 mesi. In tutto, circa 3.000 madri hanno riportato di avere usato cannabis durante la gravidanza. I risultati mostrano che il 2,2% dei bambini nati da madri che avevano usato cannabis in gravidanza hanno sviluppato autismo, contro l’1,4% delle madri che non ne avevano riportato il consumo. Al fine di prendere in considerazioni i fattori che potessero spiegare tali risultati, i ricercatori hanno incrociato 2,364 madri che avevano usato cannabis con 170,671 madri che non avevano usato cannabis ma che presentavano caratteristiche simili in quanto a età, istruzione e status socio-economico, complicanze durante la gravidanza.
I risultati ottenuti suggeriscono che i bambini nati da madri che hanno usato cannabis in gravidanza hanno il 51% di probabilità in più di sviluppare forme di autismo, rispetto a quanti sono nati da madri che non ne avevano fatto uso. Tuttavia, occorre notare che lo studio è basato sull’uso di cannabis auto-dichiarato, fatto che probabilmente sottostima l’uso occasionale di cannabis. Allo stesso modo, va osservato che ciò rende impossibile comprendere l’impatto dei diverse dosaggi o della frequenza d’uso di cannabis, o anche se l’uso di cannabis è cambiato durante la gravidanza.

LINK: https://www.theguardian.com/society/2020/aug/10/study-links-cannabis-use-during-pregnancy-to-autism-risk (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, GIOVANI, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.