CAMBIARE LE POLITICHE SULLA CANNABIS: VERSO UN PATTO TRA GERMANIA, OLANDA, MALTA E LUSSEMBURGO

Un incontro fra ministri della Giustizia e della Salute di Germania, Olanda, Malta e Lussemburgo per discutere di un patto per ammorbidire le attuali politiche sulla cannabis, considerate fallimentari in particolare a causa della forte crescita di consumatori registrata. Secondo il ministro del Lussemburgo: “E’ importante confrontarsi con la realtà: il mercato nero funziona secondo una logica di mercato, il che significa che è in circolazione robaccia sul mercato, incrementando i rischi per la salute e per la sicurezza di tutti“. Fra gli altri temi di discussione, è stato posto il problema di ridurre l’area di intervento penale sui consumatori di cannabis. Attualmente le leggi in vigore puniscono in modo sproporzionato i piccoli consumatori e le persone delle classi svantaggiate: per questo motivo, l’auspicio è che nuove leggi riducano le sanzioni di tipo penale per il consumo di cannabis, e spezzino così i collegamenti fra consumo e criminalità. Fra le proposte ventilate dal Lussemburgo per regolare il mercato della cannabis, vi sarebbe quella di consentire la coltivazione fino a quattro piante per uso personale. Il governo del Lussemburgo intende promuovere questa estate uno studio che funga d’appoggio per le future politiche sulla cannabis.

LINK ALL’ARTICOLO (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, NORMATIVA, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.