USO DI PSILOCIBINA E DEPRESSIONE

Clare Tweedy, docente di Neuroscienze dell’Università di Leeds, sintetizza i risultati di due interessanti studi sull’uso di psilocibina come cura nei disturbi depressivi, apportando nuove conoscenze e informazioni sulle modalità di funzionamento nel cervello della psilocibina. In particolare, Tweedy, commentando i promettenti risultati di uno dei due studi che comparava un gruppo di persone depresse che assumevano psilocibina con un altro gruppo di persone che assumevano il farmaco antidepressivo escitalopram, ritiene che l’uso controllato di psilocibina possa aumentare le opzioni di trattamento disponibili per i pazienti con depressione, e rivelarsi d’interesse anche per le dipendenze e i disturbi di ansia.In passato, si era dimostrato, attraverso la scansione cerebrale MRI funzionale (fMRI), che la psilocibina sembra ridurre l’attività nella corteccia prefrontale mediale, un’area del cervello che aiuta a regolare una serie di funzioni cognitive, tra cui attenzione, controllo inibitorio, abitudini e memoria. Scrive Tweedy: “Il composto riduce anche le connessioni tra quest’area e la corteccia cingolata posteriore, un’area che può svolgere un ruolo nella regolazione della memoria e delle emozioni. Una connessione attiva tra queste due aree cerebrali è normalmente una caratteristica della “rete in modalità predefinita” del cervello. Questa rete è attiva quando ci riposiamo e ci concentriamo internamente, magari ricordando il passato, immaginando il futuro o pensando a noi stessi o agli altri. Riducendo l’attività della rete, la psilocibina potrebbe eliminare i vincoli del “sé” interno, con gli utenti che segnalano una “mente aperta” con una maggiore percezione del mondo che li circonda. (…) La prova più convincente di come funziona la psilocibina viene da uno studio controllato randomizzato in doppio cieco (il gold standard degli studi clinici) che ha confrontato un gruppo di persone depresse che assumevano psilocibina con quelli che assumevano il farmaco antidepressivo escitalopram, qualcosa che non era mai stato fatto prima. Lo studio è stato ulteriormente analizzato utilizzando scansioni cerebrali fMRI e i risultati sono stati confrontati con altri risultati fMRI di un altro recente studio clinico.

Solo un giorno dopo la prima dose di psilocibina, le misurazioni fMRI hanno rivelato un aumento generale della connettività tra le varie reti del cervello, che sono tipicamente ridotte in quelli con grave depressione. La rete in modalità predefinita è stata contemporaneamente ridotta, mentre la connettività tra essa e altre reti è stata aumentata, a sostegno di studi precedenti e più piccoli. La dose ha aumentato la connettività più in alcune persone che in altre. Ma gli studi hanno dimostrato che le persone che hanno avuto la maggiore spinta nella connessione tra le reti hanno anche avuto il maggiore miglioramento dei loro sintomi sei mesi dopo.

Il cervello delle persone che assumevano escitalopram, d’altra parte, non ha mostrato alcun cambiamento nella connettività tra la modalità predefinita e altre reti cerebrali sei settimane dopo l’inizio del trattamento. È possibile che escitalopram possa apportare cambiamenti in un secondo momento. Ma la rapida insorgenza dell’effetto antidepressivo della psilocibina significa che potrebbe essere l’ideale per le persone che non rispondono agli antidepressivi esistenti. Lo studio propone che l’effetto osservato possa essere dovuto al fatto che la psilocibina ha un’azione più concentrata sui recettori nel cervello chiamati “recettori serotoninergici 5-HT2A” rispetto a escitalopram. Questi recettori sono attivati dalla serotonina e sono attivi in tutte le aree cerebrali della rete, inclusa la rete in modalità predefinita. Sappiamo già che il livello di legame della psilocibina a questi recettori porta a effetti psichedelici. Tuttavia, è ancora da esplorare come la loro attivazione porti a cambiamenti nella connettività di rete.”

LINK ALL’ARTICOLO (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in ALTRE SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.