da MISSION#54: CONTRIBUTI SCIENTIFICI

Nella rivista Mission n°54, novembre 2020, all’interno della sezione dedicata ai Contributi Scientifici, ci sembra di poter individuare due importanti macro temi che sottendono, come trait d’union, i quattro articoli presenti: da una parte il tema di come i servizi hanno risposto alle sfide dello scenario Covid, dal trattamento comunitario al follow-up; e dall’altra l’ampio, complesso e sempre più attuale, tema della comorbilità. Il primo tema viene affrontato partendo dalla valutazione d’efficacia del trattamento comunitario e del follow-up presso la Comunità Casa di Giano, a Trento, nell’articolo L’efficacia del trattamento comunitario delle dipendenze. Analisi di follow-up nella comunità “Casa di Giano” di Trento A. Simula, A. Lunesu pag 50 – 55;  per arrivare a presentare l’esperienza della riformulazione di alcuni interventi all’interno del setting operativo in L’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 nei setting operativi. La riformulazione di alcuni interventi al Ser.D. di Alcamo, Di Giovanni, G. Faillace, pag. 57 – 58.
Sul tema delle comorbilità, sono riportati due interessanti contributi. Il primo, La comorbilità nel Disturbo da Gioco d’Azzardo, Riglietta, pag. 59 – 65, riguarda la compresenza di Disturbo da Gioco d’Azzardo, Dipendenze (soprattutto alcol e/o tabacco) e Disturbi della Personalità, in particolare disturbi dell’umore e d’ansia. La conclusione cui giunge l’autore mette a fuoco come la co-presenza di più disturbi esacerbi qualsiasi patologia esistente, peggiori i risultati del trattamento, e comprometta il funzionamento generale: effetto che sembra correlarsi positivamente con il numero di disturbi associati.
Il secondo contributo, Approccio integrato per la gestione di pazienti con disturbi psichiatrici-tabagisti tra U.O. CSM Catanzaro e Centro Antifumo, S.S. Ser.D. Soverato, Audino, F. Genco, A. Insardà, E. Battaglia, V. Mellace, F. Montesano, R. Macrina, M. Notaro, L. Codispoti, A. M. Macrina, A. Pascolo, M. C. Squillace, pag. 66-69, riguarda la gestione integrata (CSM e Centro Antifumo di Catanzaro) del paziente psichiatrico-tabagista. Lo studio parte da una constatazione: come la costante riduzione della prevalenza del fumo nella popolazione generale degli ultimi decenni non sia stata osservata nella popolazione con disturbi psichiatrici. Da qui nasce il progetto pilota tra Servizi di Salute Mentale e i Centri Anti-Fumo attraverso l’attivazione di un Protocollo Operativo che prevede per i Servizi di Salute Mentale – dipendenti compresi – la conversione totale in “Tobacco Services-Free” sia all’interno che all’esterno della struttura. Il progetto prevede anche l’offerta di un supporto motivazionale comportamentale ai pazienti dei servizi psichiatrici; nonché la messa a sistema di una rete tra servizi, dove i Servizi di Salute Mentale siano in grado di svolgere consulenze informativo-motivazionali sui rischi legati al fumo, e favoriscano così l’accesso dei pazienti – motivati – a specifici programmi in stretta collaborazione con i servizi specializzati (Centri Antifumo).

IN
MISSION – ITALIAN QUARTERLY JOURNAL OF ADDICTION – N°54, ANNO XIV – NOVEMBRE 2020
Sezione Contributi Scientifici
L’efficacia del trattamento comunitario delle dipendenze. Analisi di follow-up nella comunità “Casa di Gaino” di Trento
A. Simula, A. Lunesu
pag 50-55

L’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 nei setting operativi. La riformulazione di alcuni interventi al Ser.D. di Alcamo.
Di Giovanni, G. Faillace
pag. 57-58

La comorbilità nel Disturbo da Gioco d’Azzardo
M. Riglietta
pag. 59-65

Approccio integrato per la gestione di pazienti con disturbi psichiatrici-tabagisti tra U.O. CSM Catanzaro e Centro Antifumo – S.S. Ser.D. Soverato
Audino, F. Genco, A. Insardà, E. Battaglia, V. Mellace, F. Montesano, R. Macrina, M. Notaro, L. Codispoti, A. M. Macrina, A. Pascolo, M. C. Squillace
pag. 66-69

Questa voce è stata pubblicata in ALCOL, COVID-19, DIPENDENZE COMPORTAMENTALI, DISTURBO DA GIOCO D'AZZARDO, SOSTANZE PSICOATTIVE, TABACCO. Contrassegna il permalink.