AUMENTO DI DECESSI PER SOSTANZE IN USA DURANTE IL COVID-19: LE PRIME STIME

Nonostante i dati forniti siano parziali, in quanto diversi Stati non hanno ancora rilasciati statistiche aggiornate, in USA le prime stime sui decessi correlati al consumo di sostanze durante il Covid-19 appaiono preoccupanti. Secondo un articolo di Politico, tradotto in italiano dal sito di Aduc, le stime a livello nazionale attestano un aumento dell’11,4% di casi su base annua per i primi quattro mesi del 2020. Alcuni Stati registrano aumenti preoccupanti: 25% in Kentucky, 50% in Virginia Occidentale. Secondo alcuni intervistati, il blocco totale o parziale di alcuni servizi di cura negli ultimi mesi sta determinando grosse problematiche per la parte più fragile dell’utenza. Le preoccupazioni che abbiamo sono legate ai grandi problemi che le persone stanno affrontando in questo momento con il Covid: isolamento e incertezza che portano a livelli molto elevati di stress”, ha detto a POLITICO Nora Volkow, direttrice dell’Istituto nazionale per l’abuso di droghe.
(…) L’aumento della pandemia causato da morti per overdose coincide anche con la battaglia legale dell’amministrazione Trump per abolire l’Affordable Care Act (ACA) presso la Corte Suprema. Eliminare questa legge senza rimpiazzarla, tra le altre cose, eliminerebbe i benefici di cui fruiscono le cure sulla dipendenza e i servizi di salute mentale. Secondo gli esperti, annullare l’ACA minerebbe qualsiasi tentativo di affrontare la tossicodipendenza.
L’espansione Medicaid dell’ACA ha esteso la copertura assicurativa a 1,2 milioni di americani con disturbi da uso di sostanze, secondo un’analisi di Health Affairs. Nel caso, queste persone perderebbero qualunque copertura sanitaria.
Carroll contesta che l’abrogazione della legge minerebbe il trattamento della dipendenza, e sostiene che “non è un tentativo di togliere l’assistenza sanitaria alle persone”. Secondo lui l’amministrazione Trump è “impegnata a garantire che le persone possano ottenere l’assistenza sanitaria che desiderano”, sebbene non abbia fornito dettagli su alcuna copertura sostitutiva.
Anche sotto l’ACA, i servizi sanitari comportamentali stanno diventando più difficili da utilizzare durante la pandemia. Un recente laboratorio ad hoc è stato frenato da blocchi e quarantene, costringendo i fornitori a ridimensionare i servizi e spostare i pazienti verso i servizi di telemedicina. Un sondaggio di giugno ha mostrato che quasi la metà di questi fornitori stima che possono sopravvivere solo per sei mesi, o anche meno, senza ulteriori finanziamenti federali di emergenza.
Sherry Daley, direttore senior degli affari governativi del Consorzio dei programmi e dei professionisti della dipendenza della California, ha affermato che la crisi della dipendenza è stata oscurata dagli sforzi per aiutare altri operatori sanitari in prima linea nella risposta alla pandemia. E teme che il suo stato vedrà anche un picco drammatico nelle morti per overdose.
“Sappiamo che sta arrivando”, ha detto Daley. A questo punto non c’è volontà di avere una strategia per attenuare quella curva.”
La pandemia ha accelerato la tendenza che i dati sui CDC stavano cominciando a raccogliere nel 2019.
I dati preliminari mostrano che overdose fatali sono aumentate almeno del 3% nel periodo di 12 mesi che è terminato a novembre 2019. I dati finali non saranno disponibili fino alla fine di quest’anno.
Volkow sostiene che un effetto evidente è l’aumento del tasso di mortalità per tutti i gruppi delle minoranze. I tassi di overdose per gli afroamericani sono aumentati del 20,7 per cento nel 2018, superando qualsiasi altro gruppo. Il tasso di mortalità è aumentato anche tra i nativi americani e gli ispanici.”

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.