RASSEGNA SULLE NUOVE DIPENDENZE TECNOLOGICHE- TERZA PARTE: GLI STUDI SULL’INTERNET GAMING DESORDER

indexCosa indicano le ricerche e le indagini sul disturbo da gioco su Internet? Prima di tutto, la letteratura  indica i giovani come la fascia d’età maggiormente a rischio e i ragazzi come più vulnerabili delle ragazze. Non a caso, molte indagini assumono come campione di riferimento giovani e adolescenti. Un serio limite che emerge dall’analisi di questi studi è l’eccessiva variabilità del tasso di prevalenza del disturbo.  Rehbein et al (2015) riportano una prevalenza di 1.2% su un numeroso campione di studenti tedeschi di età compresa tra i 13 e i 18 anni. Lemmens et al (2015) arrivano a una stima di 3.8% su un campione eterogeneo a livello di fasce d’età (dai 13 ai 40 anni) in Olanda. Nel 2016, Pontes et al stimano la prevalenza del disturbo da gioco su Internet in 2.5% su un campione rappresentativo di studenti sloveni, di età compresa tra 12 e 16 anni. Uno studio condotto su un campione di studenti coreani dai 13 ai 15 anni arriva invece a una stima di 5.9% (Yu e Cho, 2016), in linea con indagini analoghe sul disturbo da gioco su Internet condotte nei paesi asiatici, dove la dipendenza da giochi online sembra un problema più esteso e serio che nei paesi occidentali. Infine, uno studio su un campione rappresentativo di 1.513 giovani tedeschi da 12 a 25 anni perviene a una stima di prevalenza di 5.7% (Wartberg, Kriston, Thomasius, 2017). In questo studio le associazioni statisticamente significative riportate con il disturbo da gioco su Internet sono il genere maschile, l’età più bassa, la depressione, l’ansia.
Una vasta review (Mihara e Higuchi, 2017) di studi sul disturbo da gioco su Internet, che ha preso in considerazione 37 studi trasversali e 13 studi longitudinali è giunta alla sconcertante conclusione che la prevalenza del disturbo da gioco su Internet varia enormemente, da 0.7% a 27.5%. I ricercatori attribuiscono queste notevoli discordanze alle differenti metodologie impiegate. I risultati di una review (Kaptisis et al, 2016) condotta su 34 studi attestano la scarsità e la genericità delle descrizioni cliniche dei sintomi dell’astinenza o dell’interruzione dai giochi online. Un’altra review sull’internet gaming disorder (King, 2017), condotta esaminando 30 studi, constata la presenza di quattro elementi critici nelle ricerche analizzate, fra cui l’inconsistente rigore a livello di definizione, diagnosi e misurazione del concetto di “uso disturbato” e le insufficienti informazioni disponibili sulle caratteristiche e sulle modalità di reclutamento del campione.
Per concludere, le review citate confermano i limiti metodologici (strumenti impiegati, modalità di reclutamento del campione) degli studi fin qui effettuati sul disturbo da gioco su Internet ed enfatizzano la necessità di uniformare le metodologie.

LINK ALLA SECONDA PARTE

LINK ALLA PRIMA PARTE

Questa voce è stata pubblicata in GIOVANI, NEW ADDICTION, SOCIETA'. Contrassegna il permalink.