PROGETTO OCEANO – ATTI DEL CONVEGNO

Oceano immagine_per_sito_1_000 (1)Siamo liete di pubblicare la raccolta degli atti della giornata di studio e di confronto che ha chiuso il progetto Oceano.
Oceano ha fatto parte dell’ampio impegno della Regione Toscana per la formazione e l’aggiornamento degli operatori dei servizi pubblici e del privato sociale sulla cura del cocainismo, allo scopo di sviluppare azioni terapeutiche dedicate e specifiche.
Come possiamo vedere da questi atti, le cure si sono specializzate e radicate nei servizi e nelle strutture riabilitative e vedono gli operatori impegnati nello sviluppo di modalità e tecniche specifiche.
Indubbiamente, il consumo di cocaina ha raggiunto negli ultimi anni moltissime persone, appartenenti a tutte le componenti sociali ed è trasversale per età, scolarizzazione, occupazioni lavorative e appartenenza di genere.
Inoltre, soltanto negli ultimi due o tre anni, si è assistito ad un cambiamento di atteggiamento culturale, che non vede più la cocaina come una “non droga”, ma comincia a percepirne i possibili effetti dannosi e a volte devastanti per la vita delle persone coinvolte.
Questi aspetti, hanno costretto i servizi a lavorare su un terreno molto nuovo rispetto all’utenza storica dei SER.D e delle Comunità.
E’, ed è stata, una sfida stimolante che pensiamo i servizi pubblici e del privato sociale abbiano accolto e rilanciato, producendo azioni che stanno garantendo accoglienza ai consumatori di cocaina e ai loro familiari e servizi molto innovati. Servizi che sono in grado di accogliere consumatori di sostanze illegali e legali, ma anche giocatori d’azzardo e fumatori che intendono smettere, allineandosi con le ultime linee guida diagnostiche e terapeutiche che non focalizzano più solo la dipendenza patologica, ma tutti i comportamenti a rischio per la salute, legati a istanze compulsive e di difficile controllo.
Speriamo che gli scritti che seguono possano contribuire al dibattito culturale ed operativo in corso.

Dott.ssa Paola Trotta, Dott.ssa Maria Rosaria De Maria
Referenti Progetto Oceano

ATTI PROGETTO OCEANO

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZA DA SOSTANZE PSICOATTIVE, PROGETTO OCEANO. Contrassegna il permalink.