A DISTANZA SI-CURA – Telemedicina e teleassistenza nel Dipartimento di Patologia Dipendenze ASL TO4

I Servizi per le Dipendenze, come tutti i servizi sanitari territoriali ed ospedalieri del nostro Paese, hanno dovuto ridefinire le modalità organizzative, a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus.
Il distanziamento fisico e sociale ha capovolto i paradigmi della presa in carico, le attività in presenza sono state ridotte all’essenziale e la maggior parte delle attività cliniche, quelle che non richiedevano il face to face, si sono svolte da remoto o dall’ambulatori dello smart working.

In un articolo pubblicato sulla rivista Dal Fare al Dire, vengono riportati i risultati di un progetto: A DISTANZA SI-CURA Telemedicina e teleassistenza nel Dipartimento di patologia dipendenze ASL TO4.

Nei SerD, come in tutti i servizi che si occupano di pazienti con patologia cronica, l’utilizzo dei devices per la comunicazione tra medico, infermiere, psicologo, educatore, assistente sociale e paziente, implica la capacità di leggere la possibilità come opportunità.
La telemedicina ha portato ad un cambiamento spazio/temporale, sociale, professionale, culturale in cui la tradizione, i saperi e l’innovazione si mescolano per poter continuare a lavorare occupandosi dei compiti d’istituto: i Livelli Essenziali di Assistenza.

Nei Ser.D non sono ancora presenti tra gli operatori i nativi digitali. L’utilizzo del web mette a dura prova gli operatori che ritengono che gli interventi sociosanitari previsti di fondino sulla relazione esclusivamente in presenza, ed utilizzano i dispositivi informatici come surrogato di essa, con un atteggiamento pregiudiziale e ostile.

Ma dopo un anno di videochiamte con i pazienti e di riunioni relative ai diversi ambienti e numerosi Webinar che hanno contribuito alla formazione, il personale sanitario risulta maggiormente orientato al cambiamento tecnologico che diventa un must irrinunciabile per garantire la sicurezza in pandemia, ma anche in relazione a criticità differenti come la carenza di operatori.
Il Progetto A DISTANZA SI-CURA, ha rappresentato una modalità possibile per ridurre le distanze ed esserci per i pazienti dal 2000 in poi.

BUONE PRATICHE
A DISTANZA SI-CURA Telemedicina e teleassistenza nel Dipartimento di patologia dipendenze ASL TO4
Elena Zumaglino, Alessandra Vallino, Angela De Bernardis
Dal Fare al Dire, n.2/2021 – pag. 36-40

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE, SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.