CORONAVIRUS – CORSO ONLINE PER INSEGNANTI

Dare voce ai bambini, diffondere la conoscenza della Convenzione di New York ed educarli ai diritti nel contesto delle nuove regole dettate dalle esigenze di contenimento della pandemia da coronavirus.
Questi gli obiettivi del progetto promosso dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia) in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti (Idi) “I diritti dei bambini. La Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza raccontata ai ragazzi”.

A questo scopo sarà attivo dal 9 novembre al 31 dicembre 2020 un corso online gratuito rivolto agli insegnanti della scuola primaria e delle prime classi della scuola secondaria di primo grado che mette a disposizione risorse per i docenti e materiali per gli alunni da utilizzare sia in presenza che a distanza. Sei i moduli comprensivi di tre webinar in modalità sincrona.

Modulo 1 presentazione del progetto e metodologia
Modulo 2 la logica
Modulo 3 l’osservazione
Modulo 4 fantasia, creatività, immaginazione
Modulo 5 curiosità e passione (webinar)
Modulo 6 il mondo all’aperto (webinar)
Verifica finale: per completare il percorso si richiede agli insegnanti di progettare un’attività sui diritti dei bambini, tra quelle proposte, e di caricare il materiale sulla piattaforma dedicata.

I webinar si terranno tutti dalle 17 alle 19: il 25 novembre (webinar di accompagnamento al percorso), il 2 dicembre (modulo 5) e il 9 dicembre 2020 (modulo 6).
Il corso avrà la durata di 25 ore, comprese anche le attività con i bambini in classe e si intenderà completato con il caricamento del progetto di ciascun insegnante.
Ai docenti di ruolo registrati al percorso formativo sul portale Sofia del Ministero dell’istruzione saranno riconosciute 25 ore di formazione, a quelli non di ruolo sarà rilasciato un attestato di frequenza di 25 ore da parte di Agia e Idi.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: https://www.istitutodeglinnocenti.it/content/diritti-dei-bambini-al-corso-promosso-da-agia-e-istituto-degli-innocenti

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, GIOVANI, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.