SVOLTA TECNOLOGICA PER LA PRODUZIONE DI OPPIO IN AFGHANISTAN

Dietro l’esponenziale aumento di acquisti e di installazioni di pannelli solari nella provincia afghana dell’Helmand, da sempre fra i principali siti di produzione di oppio, non ci sarebbero motivazioni ecologiste, ma economiche: il loro impiego a partire dal 2012 ha aumentato in modo molto significativo la produttività della terra e quindi ha favorito l’incremento di oppio raccolto. Secondo un articolo de Il Corriere della Sera, ciò ha determinato negli ultimi anni una diminuzione di prezzi della sostanza e un relativo aumento della domanda, che potrebbe innescare, nella situazione di crisi socio-economica generato da covid-19, un boom di nuovi tossicodipendenti. “Nel 2012 – prima dell’avvento del solare – l’Afghanistan ha prodotto un totale di 3.700 tonnellate di oppio. Nel 2016 la produzione era cresciuta fino a 4.800 tonnellate. Nel 2017 c’è un raccolto davvero eccezionale, di gran lunga il più grande mai prodotto: 9.000 tonnellate di oppio. Tanto grande che i pezzi sono crollati. Quello che è successo dopo è molto interessante. Nel 2018 e 2019 le coltivazioni si sono ridotte, tranne nel sud-ovest, dove gli agricoltori hanno effettuato questo grande investimento nella tecnologia solare. Qui la produzione di oppio è effettivamente aumentata e l’Helmand ha iniziato a produrre l’80 per cento dell’oppio afghano. (…) A svelare questo boom anche le immagini satellitari. «L’adozione di tecnologie a bassa emissione di carbonio Richard Brittan, ex soldato inglese e fondatore di Alcis, una società specializzata nell’osservazione satellitare di ambienti complessi – è stata molto rapida. Il primo rapporto di un agricoltore afgano che utilizzava l’energia solare risale al 2013, e da allora la crescita è stata esponenziale, tanto che nel 2019 abbiamo contato circa 67mila impianti solari nella valle di Helmand». L’introduzione del solare rappresenta una svolta significativa per la regione. «Il solare – commenta David Mansfield, esperto della produzione di oppio in Afghanistan da oltre 25 anni – ha cambiato tutto per gli agricoltori, che precedentemente investivano gran parte delle risorse nell’acquisto di carburante e nella manutenzione delle pompe sotterranee, mentre i costi di gestione dei pannelli sono praticamente nulli». Mansfield sottolinea che un investimento iniziale di circa settemila euro genera un incremento notevole nella produttività, e soprattutto consente di coltivare papaveri anche in luoghi precedentemente non adatti alla crescita dei fiori. «Nel 2012 – interviene Brittan – si coltivavano circa 157mila ettari di campi di papavero, mentre nel 2018 si è passati a 317mila ettari, e lo scorso anno la cifra era di 344mila ettari. La terra sta diventando più produttiva». E dove c’è maggior giro di denaro, come nel resto del mondo, arriva il boom edilizio. Risultato, 48mila abitazioni sono state edificate nello stesso periodo nella regione di Helmand”.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, OPPIACEI. Contrassegna il permalink.