STRATEGIE MESSICANE CONTRO IL NARCOTRAFFICO

Un articolo pubblicato su El Sol de Mexico, tradotto in italiano sul sito di Aduc, spiega alcuni aspetti del contrasto al narcotraffico in Messico, riportando quanto affermato dall’esperto di sicurezza nazionale e diritto transitorio, Sergio Arturo Ramírez Muñoz. Secondo l’esperto, negli ultimi mesi le azioni dell’Amministrazione e delle forze speciali avrebbero perseguito importanti risultati, colpendo soprattutto gli interessi finanziari dei narcos. “Nessun’altra amministrazione sono stati effettuati così tanti sequestri, non ci sono mai state così tante denunce contro gruppi criminali e compagnie di riciclaggio di denaro come da quando Santiago Nieto è a capo dell’unità di informazione finanziaria (…) Ramírez Muños assicura che questa strategia è accompagnata da programmi sociali che, se non esistessero, molti giovani sarebbero nelle mani del crimine. Il governo federale si muove seguendo tre assi.
Il primo asse sono i programmi sociali, in cui i giovani hanno un futuro lontano dal crimine. Questa rappresenta la base a cui fanno riferimento tutti i progetti per la pacificazione.
Il secondo asse è l’attacco ai gruppi criminali, “azioni di intelligence per attaccare, con precisione, le risorse finanziarie dei gruppi criminali (…) La politica sta lavorando in modo coordinato per affrontare il CJNG: il presidente Andrés Manuel López Obrador, nel terzo asse, fa sapere che il Presidente ha rafforzato le basi per compiere l’ultimo passo verso la pacificazione: una maggiore forza nell’applicare la legge grazie alla creazione dell’ufficio del procuratore generale.
Allo stesso modo, la creazione della Guardia Nazionale è stata un passo molto importante; la Legge sull’amnistia è stata portata avanti in virtù della situazione atipica in cui la pandemia da Covid ci ha coinvolto, inquadrata in un sistema giudiziario di transizione globale con soluzioni per le vittime dirette e indirette del conflitto.”

LEGGI L’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in NORMATIVA, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.