L’OMS SULLE E-CIGARETTES

L’OMS ha publicato una lista di domande e risposte sulle sigarette elettroniche, al fine di fare chiarezza su alcuni aspetti, in particolare i fattori di rischio per la salute. Sulla pericolosità delle e-cigarettes, il documento afferma che: “Non sussistono dubbi sul fatto che sono dannose per la salute e non sono sicure, ma è troppo presto per fornire una chiara risposta sull’impatto a lungo termine sul loro uso o sulla esposizione. Le e-cigarettes sono particolarmente rischiose se usate da adolescenti. La nicotina è altamente additiva e lo sviluppo del cervello dei giovani termina intorno ai vent’anni. L’esposizione alla nicotina può avere effetti dannosi e durevoli”.

L’OMS risponde ad altri interrogativi frequentemente associati all’uso di e-cigarette, enfatizzando i rischi e i danni per la salute già validati da ricerche e indagini, specie negli USA. Sul punto importante se le e-cigarettes aiutano i fumatori ad abbandonare il fumo, si attesta che ci sono “poche prove”, mentre è sicuro che la nicotina e altri composti sono altamente additivi. Rispetto ai danni per la salute, OMS scrive che l’uso di e-sigarettes aumenta il rischio di infarto coronarico e di disturbi polmonari (fino a dicembre 2019, negli USA si sono registrate 2409 ospedalizzazioni e 52 decessi), e che pone rischi significativi al feto.

Infine, dal punto delle politiche di sanità pubblica, OMS esprime l’auspicio che i governi regolino in modo preciso l’uso di e-cigarettes, stabilendo chiare restrizioni alla loro promozione e pubblicità. OMS ritiene che gli stati debbano considerare se vietare le sigarette elettroniche, considerando che tale scelta è già operativa in una trentina di paesi.

LINK ALL’ARTICOLO (INGLESE)

 

Questa voce è stata pubblicata in NORMATIVA, TABACCO. Contrassegna il permalink.