LESIONI POLMONARI ED USO DI SIGARETTE ELETTRONICHE NEGLI USA

Le autorità sanitarie federali hanno fatto sapere che quasi il 77% dei casi di pazienti con lesioni polmonari legate all’uso delle sigarette elettroniche aveva utilizzato prodotti contenenti THC, il che aumenta l’evidenza che tali dispositivi e cartucce sono i principali sospettati nella crescente epidemia.

“L’epidemia indica attualmente una maggiore preoccupazione per i prodotti che contengono THC“, afferma Anne Schuchat, vicepresidente del Centers for Disease Control and Prevention (CDC), in una conferenza stampa.
Tuttavia, ha sottolineato che l’agenzia non ha potuto escludere che i prodotti contenenti nicotina fossero rischiosi e ha affermato che nessun prodotto o sostanza è stato utilizzato da tutti i pazienti con danno polmonare correlato allo svapo.
Il numero di casi di lesioni polmonari legate allo svapo è 805. Dodici persone sono morte, secondo il conteggio dei CDC, anche se la Oregon Health Authority ha riferito giovedì di un’altra morte, la seconda nello Stato, ed ha avvertito le persone di “smettere immediatamente di svapare”.
Parte della ricerca del CDC si basa su informazioni sui prodotti usanti, informazioni che non sono sempre disponibili o affidabili. Dei 514 pazienti per i quali CDC ha informazioni, oltre i tre quarti hanno utilizzato prodotti contenenti THC. Il 36% utilizzava esclusivamente prodotti THC, mentre solo il 16% utilizzava esclusivamente prodotti contenenti nicotina.
Un’altra indagine mostra quanto sia complicato ridurre la gamma di possibili responsabili dell’epidemia.
In un’analisi separata dei pazienti nel Wisconsin e nell’Illinois, due Stati in cui i danni sono stati riconosciuti sin dall’inizio, 86 intervistati hanno riferito di aver usato 234 prodotti unici con 87 marchi diversi.
In totale ci sono già 12 persone morte negli Stati Uniti a causa di lesioni polmonari legate al consumo di sigarette elettroniche, secondo quanto riferito dalle autorità sanitarie.
I decessi sono avvenuti in 10 stati: California (2), Kansas (2), Florida, Georgia, Illinois, Indiana, Minnesota, Mississippi, Missouri e Oregon.

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, POLITICHE SANITARIE, TABACCO. Contrassegna il permalink.