TRAMADOL E ALTRI OPPIODI IN AFRICA: L’EPIDEMIA IGNORATA

A distanza di qualche anno dall’inizio del fenomeno, si comincia a discutere maggiormente, anche in Ocidente, del problema della diffusione dell’uso e dell’abuso di tramadol e di altri oppiodi in diversi paesi africani. Un articolo di Laura Salm-Reifferscheidt, pubblicato su Planeta Futuro, offre una sintesi della situazione. “I rifugiati della Nigeria settentrionale lo usano per alleviare lo stress post-traumatico. In Gabon si è infiltrato nelle scuole con il nome di kobolo, causando problemi nelle classi dei bambini, mentre in Ghana la moda del tramadolo è esplosa, moda i cui movimenti simili a quelli degli zombi sono ispirati al modo in cui si comportano dopo aver assunto l’analgesico.

Vari musicisti della Sierra Leone, del Togo e della Nigeria hanno scritto canzoni su questa droga, che gode anche di popolarità in Mali, Niger e Burkina Faso. I combattenti di Boko Haram e dello Stato Islamico prima delle loro incursioni assumono compresse di tramadolo, motivo per cui sono conosciute come pillole jihadiste. Tuttavia, poiché il farmaco ha solo circa un decimo della potenza della morfina, si ritiene che la probabilità di creare dipendenza sia bassa. Di conseguenza, non è controllato a livello internazionale dalle Nazioni Unite. Ogni Paese, di conseguenza, deve stabilire i propri standard per la sua produzione, importazione, esportazione, distribuzione e uso.
L’efficacia di questi standard è irregolare e nell’Africa settentrionale e occidentale e in Medio Oriente l’abuso di sostanze è molto diffuso”.

Un grosso problema è rappresentato dalle difficoltà di regolazione internazionale del tramadol, della sua contraffazione, nonché delle scarse risorse, a livello di personale sia medico che di polizia, disponibili nei vari paesi africani per ridurre la diffusione e l’abuso degli oppiodi: “In Ghana, il numero di medici formati nell’amministrazione delle cure palliative è purtroppo insufficiente”, ha detto Maria-Goretti Ane Loglo, avvocato ghanese, consulente regionale del Consorzio internazionale sulle politiche antidroga e consulente in materia dei governi dell’Africa occidentale. “Le leggi sono severe e i medici hanno paura di prescrivere la morfina nel caso in cui qualcosa vada storto e debbano affrontarne le conseguenze”.

Sebbene la legislazione globale non sia di prossima approvazione, la cooperazione interregionale relativa a questo farmaco è in aumento. L’anno scorso, l’India ha preso provvedimenti per controllarlo ai sensi della legislazione sugli stupefacenti, che ha dato alle autorità il potere di affrontare il trattamento e il traffico illegali. A maggio, l’UNODC e l’International Narcotics Control Board hanno organizzato un incontro trilaterale tra India, Ghana e Nigeria per decidere come affrontare il traffico di tramadolo.

Tuttavia, Ane Loglo, consulente regionale del Consorzio internazionale sulle politiche antidroga, non è così ottimista riguardo al controllo. Dal suo punto di vista, possono essere efficaci le campagne, l’educazione e la cooperazione tra organizzazioni – più che la repressione, che spinge il farmaco a nascondersi. Ma, a suo avviso, è necessaria una prospettiva internazionale con il riconoscimento che il tramadolo non è altro che una piccola parte del problema molto più grande che l’area ha con i medicinali contraffatti, molti dei quali sono di qualità inferiore. In Africa, i farmaci fraudolenti rappresentano fino al 30% di un mercato il cui valore globale è stimato in $ 200 miliardi. Anche se il tramadolo è controllato a livello internazionale e il suo flusso viene interrotto alla radice, finché il mercato della contraffazione continua a prosperare, l’unica cosa che accadrà è che sarà sostituito da un’altra sostanza”.

LEGGI L’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in NORMATIVA, OPPIACEI, POLITICHE SANITARIE. Contrassegna il permalink.