DICHIARAZIONE DELL’ASSEMBLEA ANNUALE DI FORUM DROGHE

All’assemblea annuale di Forum Droghe, tenutasi a Firenze l’11 maggio, le associazioni presenti (LILA, CILD, Comunità San Benedetto al Porto, ITARDD, ItanPUD, CGIL, Società della Ragione, Gruppo Abele, Comitato Esecutivo di Encod) hanno approvato una dichiarazione congiunta sulle politiche anti-droga. Sostenendo che le recenti dichiarazioni del ministro Salvini si muovono su un registro più ideologico che scientifico, le associazioni firmataria ritengono necessario cambiare passo, a partire dalla costruzione di una Conferenza Nazionale sulle politiche sulle droghe. Questa volontà di cambiamento, anche alla luce dei dati provenienti dai paesi che hanno sperimentato nuove politiche  sulle droghe, significa promuovere una politica di diversa regolazione del fenomeno. “Regolamentare non significa promuovere in modo indiscriminato il consumo, che anzi diminuisce soprattutto tra i più giovani nei Paesi che hanno legalizzato l’uso della cannabis, ma scegliere un approccio che riporti nella legalità i consumi normalizzati di milioni di italiani, che tuteli la salute favorendo un uso consapevole e promuovendo la riduzione dei danni e dei rischi (…)

Una guerra alla droga fallimentare ma altamente pericolosa per il clima di tensione da caccia alle streghe che ripropone. Oggi come non mai è necessario promuovere un grande momento di riflessione e proposta sulle politiche sulle droghe in Italia e nel mondo. Per questo siamo impegnati – con tutte le realtà della Società Civile italiana interessate, con le organizzazioni dei consumatori e con gli operatori del settore – nella costruzione di una grande Conferenza Nazionale sulle politiche sulle droghe“.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in NORMATIVA, POLITICHE SANITARIE. Contrassegna il permalink.