L’IMPATTO SUI CONSUMI DELLA LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS IN COLORADO

Lo Stato del Colorado ha legalizzato la cannabis nel 2014 e rappresenta uno dei primi e più studiati modelli negli USA e in altri paesi del mondo, in quanto la legge consente sia la coltivazione a uso privato (fino a sei piante) che la commercializzazione in negozi provvisti di apposita licenza. Uno studio, confrontando la variazione nel tempo di alcuni dati e indici, permette un parziale bilancio dell’impatto della legalizzazione della cannabis, che mostra sia tendenze positive (diminuzione dei consumi nei più giovani) che negative (aumento dei reati per produzione, vendita e coltivazione illegali).

Il numero di reati per produzione e vendita illegale è stato, nel periodo 2014-2017, mediamente superiore al periodo pre-legalizzazione (2008-2013). La stessa tendenza all’aumento si osserva per quanto riguarda il reato di coltivazione illegale di marijuana. Per quanto riguarda gli arresti per guida sotto effetto di cannabis, il loro numero è rimasto sostanzialmente stabile, pari a circa il 6-8% del totale. Sull’andamento dei consumi presso i giovani, i dati sembrano confortanti, attestando una loro diminuzione: il tasso d’uso nell’ultimo mese fra i giovani di età compresa fra i 12 e i 19 anni nel 2015/2016, pari al 9,1%, è il più basso dal 2007/2008.

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZE, GIOVANI, NORMATIVA, SOCIETA'. Contrassegna il permalink.