NUOVI MODELLI D’USO DELLE SOSTANZE FRA GLI ADOLESCENTI AMERICANI

Una ricerca longitudinale, condotta su dati dei consumi di sigarette, cannabis e alcol raccolti negli ultimi 40 anni, relativi agli studenti nord-americani, mostra importanti cambiamenti. Il principale cambiamento messo in risalto dai ricercatori è che la cannabis sta diventando la prima sostanza psicoattiva, in ordine temporale, a essere consumata: dal 2006, meno del 50% degli adolescenti prova sigarette e alcol prima di usare per la prima volta cannabis. Katherine M. Keyes, professoressa associata alla  Columbia Mailman School afferma, commentando i dati raccolti: “L’uso di alcol e di sigarette è fortemente diminuito negli ultimi 20 anni, al contrario della marijuana. La percezione di rischio per la salute dell’uso di marijuana è fortemente diminuita nella popolazione di adolescenti da 20 anni, preannunciando un potenziale aumento futuro del consumo. In breve, la tempistica delle sostanze sta cambiando, così come la loro percezione pubblica“. Le implicazioni dello studio sono potenzialmente importanti, segnalando la necessità di operare cambiamenti nelle strategie educative e di prevenzione. Continua la stessa ricercatrice: “La riduzione del fumo di tabacco fra gli adolescenti è un rilevante risultato positivo degli ultimi 20 anni. Ora, il ruolo centrale della marijuana nei primi stadi della sequenza dell’uso di sostanze va monitorato con attenzione. L’aumento dell’uso di marijuana suggerisce che la marijuana è, e continuerà a essere, un obiettivo chiave per gli sforzi di prevenzione dell’uso di droghe“.

LINK ALL’ARTICOLO (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZE, FUMO, GIOVANI, SALUTE, SOCIETA'. Contrassegna il permalink.