TABACCO E ALCOL PROVOCANO NEL MONDO PIU’ MORTI DELLE DROGHE ILLEGALI

Sulla rivista Addiction è stato pubblicato un report da un team di ricerca internazionale, che a partire dall’analisi dei dati provenienti dall’Organizzazione mondale della sanità, dalle Nazioni Unite e dall’Institute for Health Metrics and Evaluation, sul consumo di alcol, tabacco e droga a livello globale, e sugli effetti di queste sostanze in termini di mortalità e impatto sulla salute. Secondo lo studio, il tabacco si rivela essere la sostanza responsabile del maggior numero di morti, con un totale di 170,9 milioni di anni di vita persi nel mondo durante il 2015 (un indice definito dai ricercatori Disability-adjusted life year, o Daly). Seguono il consumo di alcol, con 85 milioni di anni persi, e l’abuso di droga, intendendo con questo termine le sostanze psicotrope illegali, con 27,8 milioni. Il maggior utilizzo di bevande alcoliche a livello mondiale è stato registrato in Europa Centrale, seguita da Europa Orientale e Occidentale, come si evidenzia anche per il consumo di tabacco.

Nel valutare questi dati occorre tuttavia fare attenzioni ai forti limiti di disponibilità e di raccolta dei dati, specie nei paesi a reddito medio-basso, che pongono concreti problemi di confrontabilità a livello di prevalenza. La severità delle leggi antidroga in molti paesi è tale da rendere i dati sui consumi poco affidabili. Anche nei paesi ad alto reddito il dato sul consumo di sostanze illecite potrebbe essere sottostimato.

Amy Peacock et alter, Global statistics on alcohol, tobacco and illicit drug use: 2017 status report, Addiction, 2018, doi:10.1111/add.14234

Questa voce è stata pubblicata in ALCOLISMO, DIPENDENZE, FUMO, SOCIETA'. Contrassegna il permalink.