AUMENTO DELL’USO DI MARIJUANA FRA LE DONNE INCINTE IN CALIFORNIA

donne incinteUno studio pubblicato su The Journal of the American Medical Association mostra un significativo e preoccupante aumento di uso di marijuana fra le donne in stato di gravidanza nello stato della California. Nel periodo compreso fra 2009 e 2016, utilizzando un largo dataset sanitario relativo a 279,457 donne incinte, i ricercatori stimano che l’uso di cannabis sia aumentato dal 4% al 7%. Si tratta di un aumento significativo nel corso degli anni, tanto più considerando che il tasso d’uso di cannabis nelle done incinte nel 2002 era stimato attorno al 2%. I ricercatori inoltre evidenziano un dato importante: l’assunzione della sostanza è doppia quando valutata attraverso test dell’urina rispetto a quando viene affidata all’auto-valutazione. I ricercatori ipotizzano che, nonostante la recente legalizzazione della cannabis, ciò sia dovuto al persistere dello stigma associato all’uso della sostanza. La positività per uso di marijuana sale in modo considerevole restringendo l’analisi alle giovani: 22% delle adolescenti (minori di 18 anni), e 19% nella fascia 19-24 anni.

Nelle conclusioni, si suggerisce l’importanza di un monitoraggio costante della tendenza, anche per ridurre al minimo le conseguenze dannose sullo sviluppo del feto.

Young-Wolff, K.C., et al. Trends in Self-reported and Biochemically Tested Marijuana Use Among Pregnant Females in California From 2009-2016.  The Journal of the American Medical Association. https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/266705

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZE, SALUTE, SANITA', SOCIETA'. Contrassegna il permalink.