IL 49% DEGLI ADULTI AMERICANI HA USATO CANNABIS NELLA PROPRIA VITA

Quasi la metà degli adulti americani ha provato cannabis nella propria vita, la percentuale più alta mai registrata dall’inizio delle rilevazioni, secondo i nuovi dati dell’istituto Gallup. L’istituto domanda dal 1971, nel suo sondaggio annuale sulle abitudini di consumo, se agli intervistati sia “mai capitato di provare la marijuana”. Nel 1971, solo il 4% degli intervistati rispose affermativamente, ma verso la metà degli anni ’80 la percentuale arrivò al 33%, per poi salire progressivamente all’inizio degli anni ’10, quando singoli Stati USA hanno iniziato a legalizzare i mercati della cannabis al dettaglio. Nel 2013, il 38% ha dichiarato di aver usato l’erba almeno una volta e, quattro anni dopo, questa percentuale è salita al 44%. Il sondaggio di quest’anno, condotto all’inizio di luglio, mostra un altro grande balzo al 49%, rispetto al 45% del 2019.
Nel 2013, Gallup ha inoltre iniziato a chiedere agli intervistati se “fumavano marijuana”. Quell’anno, il 7% rispose di sì, ma quella cifra è salita all’11% nel 2016 e poi si è stabilizzata a circa il 12% attuale.
Nell’attuale sondaggio Gallup, una percentuale abbastanza uniforme di maggiorenni nati tra il 1946 e il 1996 ha ammesso di aver provato l’erba. Oltre la metà di tutti i millennial (51%) ha dichiarato di aver provato la cannabis, così come il 49% degli intervistati della generazione X e il 50% dei baby boomer. È interessante notare che la percentuale di Gen X è salita dal 44% negli anni ’90, mentre il numero di Boomer è rimasto a un solido 50% durante lo stesso periodo di tempo.
Al contrario, solo il 19% di coloro nati prima del 1946 ha affermato di aver fatto uso di cannabis. Ma pur avendo la percentuale più bassa in assoluto, questa generazione ha anche mostrato la crescita maggiore. Tra il 1985 e il 1999, solo il 10% dei tradizionalisti ha ammesso di aver provato l’erba, ma oggi questa percentuale è quasi raddoppiata. Altri recenti studi di ricerca e sondaggi hanno anche scoperto che il numero di anziani che fanno uso di cannabis è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi dieci anni.
E come quasi tutti gli altri sondaggi sull’erba, l’attuale sondaggio ha rilevato che le persone più liberali e meno religiose hanno maggiori probabilità di essere consumatori di cannabis. Solo il 3% degli intervistati che frequentano le funzioni religiose settimanalmente ha affermato di fumare erba attualmente, rispetto al 19% che raramente o mai va alle funzioni. E il 22% dei liberali politici e il 15% dei democratici usano regolarmente cannabis, contro il 6% dei conservatori e il 7% dei repubblicani.
Sebbene l’attuale sondaggio riporti la percentuale più alta di sempre di persone che hanno provato l’erba, Gallup non si aspetta che questa cifra salirà molto nel prossimo futuro. Nonostante l’aumento tra la Generazione X, i tassi complessivi di sperimentazione dell’erba una tantum per chiunque sia nato tra il 1946 e il 1996 sono rimasti intorno al 50%. Gallup non ha dati sufficienti per riferire sulle attuali tendenze della cannabis tra la Generazione Z, perché l’attuale sondaggio ha riguardato solo intervistati di età pari o superiore a 18 anni.
“L’incidenza della generazione Z nel provare la marijuana determinerà probabilmente la traiettoria della linea di tendenza”, scrive l’istituto Gallup. “Se i tassi di sperimentazione della Generazione Z sono simili a quelli dei loro predecessori, la percentuale potrebbe presto stabilizzarsi. Potrebbe, tuttavia, continuare a crescere se la Generazione Z e le generazioni successive provassero la marijuana a tassi superiori al 50%”.
È notevole che anche se solo la metà degli americani ha mai provato l’erba, e solo uno su dieci lo fa in modo convinto, una maggioranza molto più ampia sostiene la piena legalizzazione federale. Recenti sondaggi di Gallup e di altre agenzie di sondaggi hanno rilevato che il supporto per la legalizzazione dell’uso da parte degli adulti è cresciuto dai due terzi di qualche anno fa all’attuale 75%.

LINK ALL’ARTICOLO (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, NORMATIVA, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.