ALCOL E SOSTANZE FRA I GIOVANI FRANCESI

Secondo quanto riportato da un articolo sui consumi di sostanze dei giovani francesi di Le Monde, da un recente sondaggio emergono modalità di consumo preoccupanti, in particolare per l’alcol, oltre che la presenza di fasce di popolazione giovanile affette da policonsumi e/o problemi di dipendenza multipli. “Alcol, tabacco, cannabis, droghe pesanti… i giovani dai 16 ai 30 anni mostrano “livelli di consumo molto allarmanti”, afferma un sondaggio pubblicato martedì 6 luglio, realizzato a marzo 2021 da Ipsos per il gruppo assicurativo Macif con 3.500 persone. Una triste fotografia scattata nel contesto dell’emergenza sanitaria: da più di un anno, a parte qualche parentesi, i giovani sono privati dell’autonomia, della vita sociale, con indubbiamente una forte voglia di recupero e d’evasione. Quello che colpisce, tra i tanti dati del sondaggio, è la percentuale di giovani che bevono fino a perdere il controllo. La metà dei giovani intervistati (52%) dichiara di essere stata in questo stato negli ultimi 12 mesi, “al punto da non sapere cosa stesse facendo”.

L’alcol è la sostanza più utilizzata per sballarsi: un giovane su cinque afferma di aver perso il controllo “almeno dieci volte l’anno” grazie al bere. Queste perdite di controllo fanno parte di un contesto più generale di ansia. La metà dei consumatori di sostanze (alcol, droghe, ecc.) ha sperimentato emozioni negative, un brutto viaggio (infelicità), episodi di insuccesso scolastico (30%), isolamento sociale (27%) durante l’anno. Due consumatori su dieci ammettono anche di aver avuto problemi sessuali (20%) o di aver avuto pensieri suicidi (20%).
Un altro elemento interessante: il fumo tra i giovani è lungi dall’essere scomparso. Un quarto di loro afferma di essere un consumatore abituale. Nel 2015, un sondaggio della società di mutua assicurazione studentesca Emevia ha rilevato che il 6,1% degli studenti fumava quotidianamente. Sebbene i due studi non si concentrino sulla stessa popolazione, vediamo che il fumo non diminuisce per questa fascia di età.

Le dipendenze tendono ad essere cumulative
Inoltre, il 36% dei giovani dai 16 ai 30 anni afferma di aver fumato cannabis. Un dato equivalente a quello dello studio Emevia. L’aumento dei consumatori di droghe pesanti è significativo rispetto al 2018, quando solo il 2% degli studenti ha ammesso di fare uso di cocaina. Quest’anno, il 14% dei giovani afferma di aver provato ecstasy, MDMA, GHB, poppers, protossido di azoto o LSD; l’11% afferma di aver assunto cocaina; 8%, eroina. “L’uso di [droghe pesanti] può apparire come una strategia sociale, un desiderio di appartenere a un gruppo”, osservano gli autori. È anche voglia di sperimentazione, di trasgressione e ricerca della perdita di controllo. Un fenomeno ben documentato, lo studio mostra che le dipendenze tendono ad essere cumulative, in particolare alcol e tabacco, le due sostanze più comuni nell’uso multiplo di droghe. Ma altre “aggiunte di dipendenza” sono comuni. Così, tra coloro che fanno uso di cannabis il 38% assume anche crack o cocaina; 40%, eroina.

LINK ALL’ARTICOLO (FRANCESE)

Questa voce è stata pubblicata in ALCOL, CANNABIS, COCAINA, GIOVANI, OPPIACEI, SOSTANZE PSICOATTIVE, TABACCO. Contrassegna il permalink.