POLITICHE CONTRO IL FUMO: IL CASO NORVEGESE

Aumentano i paesi che, ai fini della riduzione dei rischi per il fumo da tabacco, propongono leggi e politiche pubbliche di innalzamento dell’età per acquistare e-cigarette, il cui consumo è spesso propedeutico al passaggio al tabacco. E’ il caso della Norvegia, in cui il Ministro della Salute ha proposto di portare a 25 anni l’età legale per acquistare e-cigarette e di estendere il divieto di fumo ad alcune aree all’aperto e all’interno delle auto quando vi siano bambini passeggeri. La proposta mira a diminuire ulteriormente la quota di fumatori fra le giovani generazioni, già estremamente ridotta. Infatti,”La proporzione di fumatori quotidiani fra i giovani di età compresa fra 16 e 24 anni è attualmente solo dell’1% in Norvegia, mentre fra 55 e 64 anni è del 17%“.  Il Ministro della Salute Høie ha dichiarato a tal proposito: “E’ specialmente importante per prevenire che le e-cigarette diventino una sostanza di passaggio all’uso di tabacco per i giovani. Noi sappiamo che i limiti di età rappresentano uno strumento molto utile per prevenire l’accessibilità e l’uso fra i giovani.  Stabilendo a 25 la soglia d’età, proteggiamo i giovani, ma non impediamo che gli adulti scelgano e-cigarette come agente di riduzione del danno”

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in NORMATIVA, PREVENZIONE, TABACCO. Contrassegna il permalink.