RIORGANIZZAZIONE GLOBALE DEL TRAFFICO DI COCAINA

Un articolo di Guillermo Garat, Eliezer Budasoff e Jorge Galindo, pubblicato su El Pais del 13/12/2020 e tradotto in italiano da Aduc, racconta retroscena e scenari del narcotraffico legato alla cocaina. Il grosso della produzione mondiale continua a essere appannaggio di vari paesi del Sud America, anche se negli ultimi anni vi sono sempre più segnali di una diversificazione della catena logistica e commerciale della cocaina. Al posto dei grandi cartelli, sono spesso piccoli attori specializzati che si occupano dei vari passaggi della produzione e del traffico di cocaina dai paesi latinomaericani a quelli europei o nordamericani: la struttura logistica è diventata più complessa e spezzettata. Neanche la pandemia di Coronavirus ha interrotto il traffico di cocaina, se non momentaneamente. Tutto ciò provoca tensioni crescenti nei mercati di destinazione, con un aumento di corruzione a vari livelli e di uso della violenza. Segnali chiaro in tal senso si sono registrati negli ultimi anni in Olanda e Spagna, paesi di transito e di arrivo della cocaina di primaria importanza.

“I porti europei che ricevono queste spedizioni sono sottomessi a livelli crescenti di violenza e corruzione. Nel marzo 2016, il capo di un marocchino coinvolto nella tratta è apparso davanti a un giudice ad Amsterdam. Negli ultimi quattro anni nei Paesi Bassi, in Spagna e in Belgio sono stati denunciati almeno 16 omicidi a causa di una disputa tra gruppi criminali sul furto di una spedizione di cocaina entrata dal porto di Anversa. Nell’ultimo anno, le autorità giudiziarie e di polizia di Anversa hanno messo in guardia su attacchi, sparatorie, esplosioni di granate fatte in casa e persino il rapimento per 42 giorni di un adolescente di 13 anni, crimini associati alle controversie degli oligopoli della cocaina. Inoltre, le organizzazioni europee di polizia hanno individuato sicari nei Paesi Bassi, in Spagna e in Svezia.
Questi gruppi europei hanno reti di affari che li proteggono. E come tutte le società transnazionali, hanno sede in America Latina. “Ciò consente loro un nuovo modello di business dall’inizio alla fine”, afferma il rapporto dell’Osservatorio europeo. Gestiscono la catena di distribuzione, ottengono prezzi migliori, evitano gli intermediari e addirittura migliorano la qualità della cocaina. Dieci anni fa la purezza della cocaina sequestrata era in media del 50%. Oggi raggiunge l’Europa, forse prima della vendita al dettaglio, con una purezza media dell’85%.
Secondo l’osservatorio, come accaduto in America Latina, i grandi cartelli (italiani e colombiani) si sono organizzati sul territorio. Ci sono mafie stanziate in Spagna, Gran Bretagna, Francia, Irlanda, Marocco, Serbia o Turchia. Questa dispersione ha migliorato la disponibilità di cocaina, ottimizzando la logistica e riducendo i costi di acquisto alla fonte.
Per Damián Zaitch oggi c’è una grande “internalizzazione con un maggior numero di linee, gruppi, rotte, mercati e un aumento della frammentazione. Pablo Escobar è stato un’eccezione nel settore e non è durato abbastanza. Vent’anni fa l’idea del cartello che dominava un paese o un territorio era già abbastanza discutibile. Il mercato è già frammentato. Ora ci sono molti più attori di prima. Sono organizzazioni multinazionali che fanno affari. Le politiche pubbliche non sono riuscite a ridurre i consumi, né la produzione, ma hanno aumentato l’internalizzazione, più rotte e attori coinvolti. E quando c’è più frammentazione, c’è più concorrenza e quando c’è più competizione c’è più violenza”.
“Rispetto a 20 anni fa, oggi c’è un rapporto maggiore con l’economia legale, con i porti, i trasporti, le comunicazioni e la logistica. I prezzi sono rimasti alti, il che significa che si possono continuare a pagare tangenti e corruzione. C’è una maggiore quantità di corruzione non solo legata alla polizia e alla dogana, ma anche ai lavoratori portuali”, dice Zaitch.

Il porto di Rotterdam, il più grande d’Europa, è uno dei maggiori per cocaina al mondo. Secondo le sue stesse cifre, 24.000 container entrano o escono ogni giorno. “C’è una tensione tra controllo ed efficienza economica. Hanno bisogno di almeno 20 minuti per analizzare un contenitore. Non è possibile controllare tutti i container. I danni al porto sarebbero enormi se controllassero di più”, spiega Zaitch.

I grandi trafficanti di droga non esistono più
“Le reti criminali che avevano operato corrodendo le basi sociali dello Stato di diritto in America Latina, ora stanno facendo altrettanto negli Stati europei. In Spagna, se prima c’erano notizie di agenti di polizia corrotti una volta al mese, ora sono quasi settimanali. La corruzione è sempre più diffusa”, sottolinea David Pere Martínez Oró, coordinatore dell’Unità per le politiche sulle droghe dell’Università Autonoma di Barcellona.
Nel mondo delle politiche sulle droghe c’è il concetto dell’effetto pallone, che è stato sviluppato dopo aver appreso i terribili risultati del Plan Colombia: quando si fa pressione sul pallone, quell’aria non scompare, si sposta su un altro punto. Sul piano delle politiche pubbliche, il divieto, lungi dal porre fine al problema, disperde e frammenta i gruppi criminali che cambiano il luogo di produzione; lo decentralizza aumentando la violenza in nuovi territori. È la lezione non appresa che ha portato la violenza dalla Colombia al Messico, da lì al Centro America e per ora all’Europa in un batter d’occhio.
“Prima sono venuti per la polizia, poi verranno per i giudici e poi per i politici. È la politica del piombo o dell’argento”, avverte il professore catalano. “È uno scenario logico perché i mercati deregolamentati funzionano senza controllo. L’unico modo per migliorare è che lo Stato produca cocaina e la distribuisca se non vuole poliziotti corrotti”, dice Pere Martínez Oró.

I 21 senatori colombiani che ad agosto hanno firmato un disegno di legge per regolamentare la cocaina nel Paese la pensano allo stesso modo. Sanno che sarà molto difficile per lo Stato produrla, per un medico controllare se l’utente è in condizioni fisiche per usarla o per lui essere indirizzato a specialisti se ha problemi di consumo. O che sia coltivata dalle comunità indigene come proposto dal progetto di legge. Negli ultimi quasi quarant’anni la maggioranza del Congresso ha promesso di porre fine alla “droga” e di “vincere la guerra”, campagna dopo campagna, anche se quell’orizzonte sembra sempre più sfocato.
La prima firma del progetto è quella del senatore Iván Marulanda (Alianza Verde), economista che negli anni Ottanta ha fondato il partito del Nuovo Liberalismo insieme a Luis Carlos Galán e Rodigo Lara. Quel movimento è stato letteralmente decapitato da Pablo Escobar e dai suoi scagnozzi: il senatore 74enne ha visto i suoi compagni morire e la società dissanguata dalla guerra. “E stato ingenuo aver accettato questo macello per la Colombia, il trattamento infame, la mancanza di difesa, la sottomissione e il sacrificio per 40 anni”, dice. “Abbiamo sacrificato la vita di migliaia di persone e lo Stato è finito per essere uno strumento dei poteri mafiosi. La corruzione della giustizia, della politica, della società e del riciclaggio di denaro hanno completamente alterato i fattori economici di questo Paese ”.
“Dato questo scenario, non resta altro che regolamentare”, dice. Sa che la sua proposta non sarà votata dalla plenaria della legislatura colombiana. Ma si accontenta di razionalizzare il dibattito, favorendo la discussione e gli argomenti per l’opinione pubblica. Crede che occorra fermare la criminalizzazione e la penalizzazione per cambiare il fulcro della “guerra contro il traffico di droga in una visione civile, ragionevole e razionale come la regolamentazione”. Marulanda, che si è salvato dalla carneficina degli anni Ottanta e Novanta in esilio in Europa, è tornata al Senato del Paese latinoamericano 33 anni dopo per mettere sul tavolo la regolamentazione della cocaina, ricordando i suoi compagni e coloro che non torneranno per una guerra che, a cinquant’anni dalla sua nascita, ha reso il traffico di cocaina una delle attività più redditizie per mafie sempre più potenti e Stati sempre più deboli”.

LINK ALL’ARTICOLO

 

Questa voce è stata pubblicata in COCAINA, COVID-19, NORMATIVA, SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.