LIVELLO RECORD DI DECESSI PER OVERDOSE NEGLI USA NEL 2019

Un articolo del Guardian riporta che nel 2019 negli USA è stato raggiunto un livello record di decessi per overdose da sostanze, pari a 71.000. Secondo il rapporto preliminare diffuso ieri dal Centers for Disease Control and Prevention, più della metà di questi decessi –36.500– sarebbero attribuibili a fentanyl e altri oppiacei sintetici, confermando così l’estrema diffusione e pericolosità di questo tipo di sostanze, da anni al centro dell’attenzione scientifica. Fra l’altro, per fentanyl e oppiacei sintetici, il dato del 2019 interrompe la diminuzione dei decessi che si era registrata nel 2018. Un assistente segretario del Ministero della Salute afferma: “Abbiamo consapevolezza che c’è un enorme lavoro da fare, specialmente ora che dobbiamo anche fronteggiare la pandemia Covid-19, che potrebbe colpire in modo marcato la salute mentale a livello nazionale e il rischio di uso di sostanze“. Un ricercatore, Brendan Saloner, afferma a proposito dell’aumento di overdose registrato nel 2018 rispetto al 2018, in 30 Stati su 50: “Vedo una mappa di disperazione”. Lo stesso ricercatore, commentando i possibili effetti legati alla pandemia, prevede che: “Le persone si sentono più disperate, ansiose e senza radici. Ciò porta a un uso di sostanze più problematico e a maggiori rischi di overdose“.

LINK ALL’ARTICOLO (INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, OPPIACEI, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.