AUDIZIONE DEL MINISTRO FONTANA

Il ministro Fontana, nel corso di un’audizione alla Camera, ha tenuto il suo primo discorso per illustare le proprie linee-guida. La stampa ha reso noto le posizioni del Ministro su famiglia e sui figli delle coppie omosessuali, ma ha sostanzialmente ignorato quanto espresso da Fontana in materia di droghe, su cui gli è stata assegnata la delega. “Riguardo agli stupefacenti, il rilancio delle misure di contrasto è la nostra priorità. Su questo punto va registrato che il fenomeno ha assunto negli ultimi anni connotati particolarmente insidiosi. È chiara l’insufficienza dell’approccio tradizionale al fenomeno e la connessa necessità del rafforzamento del coordinamento dell’attività informativa volta sia al tempestivo aggiornamento delle tabelle relative alle sostanze stupefacenti sia ad un efficace trattamento dei danni provocati. Deve rafforzarsi la sinergia fra tutte le amministrazioni centrali e periferiche coinvolte nella lotta agli stupefacenti e nell’ambito di questa rete il dipartimento delle Politiche Antidroga deve consolidarsi come una vera e propria cabina di regia veicolando le azioni di governo, i flussi informativi e coordinando anche mirate campagne di informazione e prevenzione”.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZE, NORMATIVA, NUOVE DROGHE, SANITA'. Contrassegna il permalink.