LA NUOVA LEGGE DI LEGALIZZAZIONE DELLA CANNABIS IN CALIFORNIA: UNA BREVE GUIDA

california marijuanaL’8 novembre i cittadini della California hanno approvato, con il 56% di voti favorevoli, il referendum sulla legalizzazione della cannabis, 20 anni dopo l’approvazione dell’uso di cannabis con finalità terapeutiche. Un articolo di CBS Los Angeles riassume le principali disposizioni della nuova legge. Dal punto di vista degli introiti fiscali, la legge impone una tassazione del 15% sulla vendita di cannabis, una tassa di coltivazione di 9.25 dollari all’oncia (circa 28 grammi) per le influorescenze, e di 2.75 dollari per le foglie di marijuana. Passando ai principali contenuti della legge, dal 9 novembre ogni cittadino residente in Californai di età superiore ai 21 anni può possedere fino a un’oncia di marijuana o fino a 8 grammi di cannabis concentrata. E’ inoltre permessa la coltivazione fino a un massimo di 6 piante per residente, di cui è consentito il possesso del relativo raccolto. Ogni raccolto superiore a un’oncia deve però essere posto in luogo sicuro e lontano dal pubblico. I comuni possono inoltre proibire la coltivazione all’aperto. Tutta una serie di condotte rimangono vietate, fra cui: consumare marijuana alla guida o come passeggero in auto, nave o aereo; fumare marijuana in luoghi pubblici; fumare marijuana in aree vietate al fumo; possedere più di 28 grammi di marijuana (la pena prevista è una multa o la detenzione in carcere fino a sei mesi).

Per quanto riguarda la vendita, essa non incomincierà prima del gennaio 2018, in quanto la vendita di marijuana per scopi ricreazionali è sottoposta a un permesso e a una licenza, i cui criteri non sono ancora stati stabiliti. Per l’uso terapeutico di cannabis, già consentito e normato, invece, con la nuova legge non cambia nulla.

LINK ALL’ARTICOLO (IN INGLESE)

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZA DA SOSTANZE PSICOATTIVE, NORMATIVA. Contrassegna il permalink.