ASL E OSPEDALI PRONTI A RIDURRE LO STRESS DA LAVORO

Niente più dipendenti stressati e demotivati da capi poco inclini a condividere obiettivi e strategie, luoghi di lavoro più salubri dove passare otto e più ore e aziende capaci di ascoltare e dare una mano a risolvere i problemi che nascono fuori dall’ambiente lavorativo ma che finiscono poi per ricadere negativamente su presenze e produttività.
Questi i risultati della ricerca Fiaso (la Federazione Italiana di Asl e Ospedali) sul “Benessere organizzativo” presentata a Roma lo scorso marzo. I risultati della ricerca condotta su un campione rappresentativo di 15 Aziende: motivando il personale con politiche di attenzione al benessere psico-fisico sul lavoro sono più che dimezzati gli stressati sul lavoro e abbattuto l’assenteismo.
I risultati dell’esperienza verranno ora tradotti in Linee guida per ridurre lo stress nella sanità e nella Pubblica amministrazione.
La sperimentazione, promossa dalla Federazione di Asl e Ospedali, è il primo esempio di applicazione della normativa, che recependo gli accordi europei, vincola tutte le aziende pubbliche e private a combattere i fattori di stress nei luoghi di lavoro. Che costa oltre 20 miliardi di euro all’economia europea.

PANORAMA DELLA SANITA’ Anno XXV n.14 Aprile 2012 Partite da Asl e Ospedali la lotta allo stress da lavoro Pag. 28

La rivista è disponibile c/o il Cesda

Questa voce è stata pubblicata in SALUTE, SANITA'. Contrassegna il permalink.