PROPOSTA DI DEPENALIZZAZIONE “DROGHE PESANTI” IN AUSTRALIA

Il deputato laburista australiano Michael Pettersson ha annunciato una proposta di legge federale, che sarà depositata nel 2021, per depenalizzare l’uso e il possesso di piccole quantità di eroina, MDMA e metanfetamine. Secondo l’articolo che riporta la notizia, le reazioni politiche di maggioranza e opposizione alla proposta di Pettersson non sono di segno negativo, anche se l’approvazione della norma appare tutt’altro che a portata di mano.Secondo Pettersson il sostegno della comunità alla depenalizzazione è “molto più avanti” dei politici, così come rilevato dal National Drug Strategy Household Survey pubblicato a luglio. Questo sondaggio ha rilevato che solo il 20% era d’accordo di infliggere una pena detentiva o un servizio sociale per il possesso di MDMA, e circa un quarto delle persone era d’accordo col carcere o il servizio sociale per il possesso di eroina.

A differenza del disegno di legge sulla legalizzazione della cannabis di Pettersson, che si scontrava con la legge federale e rischiava di essere dichiarato incostituzionale, esiste già una strada consolidata da seguire per la depenalizzazione delle altre droghe. Nel 1992, Canberra è diventata la seconda giurisdizione a depenalizzare la cannabis, consentendo una semplice multa per il possesso. Secondo Pettersson il suo disegno di legge dovrebbe seguire lo stesso percorso, depenalizzando il possesso fino a 2 g di cocaina, eroina o metanfetamine e 0,5 g di MDMA. Inoltre, secondo Petterson, da quando il possesso di cannabis è stato legalizzato a gennaio, non c’è stato un aumento significativo dei comportamenti illegali correlati a questa sostanza, come la guida sotto i suoi effetti.

Il primo ministro federale è favorevole ad “dibattito politico” sulla depenalizzazione
La depenalizzazione non è un argomento all’ordine del giorno della politica federale, ma il primo ministro Andrew Barr ha detto su Facebook di aver accolto con favore il disegno di legge di Pettersson. “Questo è un importante dibattito politico pubblico. Sono contento che Michael lo abbia inserito nell’agenda legislativa per il 2021”. “Il percorso, a partire da oggi, prevede un comitato dell’Assemblea legislativa per un esame delle questioni politiche e legislative in merito. “Potrebbe quindi giungere davanti all’Assemblea legislativa per un voto verso la fine del 2021”.

Il partner della coalizione minore del governo, ACT Greens, ha fatto sapere in una dichiarazione che il suo partito era “felicissimo” che la riforma della droga fosse all’ordine del giorno per il prossimo anno, e ha detto di essere “più che preparato a fare alcuni grandi cambiamenti in questo periodo”. Il deputato dei Verdi Johnathan Davis ha detto che le sue esperienze come assistente di qualcuno con problemi di tossicodipendenza lo hanno aiutato a ricordare gli aspetti umani che sono dietro il dibattito politico. “Quando le persone demonizzano l’uso di droghe, spesso dimenticano che stiamo parlando di persone: il figlio o la figlia di qualcuno, il marito, la madre, l’amico”. “La depenalizzazione del possesso di droga è stata una delle proposte politiche dei Verdi per le elezioni federali, quindi non vediamo l’ora di discutere i dettagli di questa proposta”

La leader dell’opposizione Elizabeth Lee ha detto che il suo partito avrebbe preso in considerazione la proposta, ma che l’annuncio era arrivato senza preavviso e non aveva ancora avuto tempo di verificare i dettagli su come potrebbe funzionare la depenalizzazione. “Sappiamo che quando Michael ha presentato il disegno di legge sulla cannabis l’ultima volta aveva esternato alcune preoccupazioni, specialmente dal punto di vista legale”. “Quando si tratta di riforma della droga, ci sono tante le parti interessate che dobbiamo consultare, e questo è solo un altro esempio di come il Labour ci ha preso alla sprovvista, senza prima averci adeguatamente consultato”. Secondo Lee qualunque proposta di legge presentata all’Assemblea, per essere presa in considerazione, dovrebbe contenere norme per aiutare le persone a smettere di drogarsi. “Senza queste norme diventerebbe un po’ inutile”

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in ALTRE SOSTANZE PSICOATTIVE, NORMATIVA, OPPIACEI. Contrassegna il permalink.