“COCAINA ROSA”: LA DROGA DELL’ALTA SOCIETA’

Nell’ultimo periodo, una droga che sembra aver attirato molta attenzione nell'”alta società”, è la Polvere Rosa, una droga sintetica con effetti psichedelici che altera tutti i sensi e modifica la percezione del mondo con allucinazioni visive e mentali.
Nota con diversi nomi, tra cui “Venus”, “Erox”, “Nexus”, “Afro”, “MFT” o “cocaina rosa”, ma il nome con cui è registrata nella classificazione dei narcotici è 2C-B.
Diventata popolare negli anni ’80, quando ha inizio la moda delle droghe sintetiche. Viene dichiarata illegale e all’improvviso ritorna nel 2004 in America: oggi la Colombia e la massima produttrice che esporta maggiormente in Europa.

Pericolosissima perché, in alcuni casi, la mancanza di controllo causata da questo stupefacente provoca terribili attacchi di paura o panico, proprio come fa l’LSD. Sembra che questa droga combini gli effetti allucinogeni di quest’ultima sostanza con gli effetti euforici dell’MDMA: coloro che ne fanno uso notano una sensazione molto piacevole per il corpo stesso, ma allo stesso tempo si presenta una sensazione di forza esagerata e un nervosismo ed eccitazione intensi.
Una cosa da evidenziare è che questa droga ha il nome di Cocaina Rosa, ma le conseguenze derivanti dall’uso hanno poco a che fare con la cocaina cloridrato. L’unica somiglianza tra i due farmaci è la presentazione in polvere.
Anche se ritenuta la droga delle élite a causa del suo costo elevato, questo non è sempre vero, in realtà la 2C-B non è molto più costosa della cocaina. Da questo punto di vista, quindi, i due narcotici hanno un prezzo abbastanza simile.

Questa voce è stata pubblicata in COCAINA, NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.