ASSOCIAZIONI CHIEDONO AUMENTO RISORSE PER SERVIZI DI RIDUZIONE DEL DANNO

Con una lettera-appello indirizzata al ministro della Salute Speranza, Cgil, Forum Droghe e altre associazioni richiedono risorse e misure concrete per dare attuazione alle politiche di riduzione del danno. Le associazioni lamentano come, nonostante l’inserimento già nel 2017 delle politiche di riduzione del danno e di riduzione dei rischi nei LEA (livelli essenziali d’assistenza), i servizi a esso ispirati non siano stati né attuati né finanziati. Scrivono i promotori, nel comunicato riportato sul Quotidiano della Sanità: “44 mesi di inerzia, indifferenza, inadempienza istituzionale. Nel frattempo  ciclicamente si strilla, dalla politica e dai media, su nuove ‘emergenze’ e su nuovi drammi, come le tragiche morti per overdose di alcuni ragazzi: quando assicurare i LEA della RdD in ogni regione e in ogni città potrebbe significativamente limitare i danni correlati a usi rischiosi e poco consapevoli. Nel frattempo, anche la pandemia da Covid19 ha dimostrato come, dove è operativa, la RdD sia un sistema di servizi del territorio capace di promuovere prevenzione, tutela, sostegno e vicinanza, salute, ai consumatori e a quelli tra loro più vulnerabili”.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in COVID-19, NORMATIVA, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE, SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.