NUOVA REGOLAMENTAZIONE DELLA CANAPA IN PORTOGALLO

Il Governo portoghese ha recentemente predisposto una sorta di linee guida per la coltivazione e l’utilizzo di canapa, per meglio regolare e programmare lo sfruttamento commerciale della stessa, anche per usi medici. Il paese lusitano, all’avanguardia nel mondo per la depenalizzazione per uso personale delle sostanze, compie così un altro passo in direzione di un approccio alternativo alla questione delle sostanze. Secondo quanto riporta il sito di Aduc, “Il 4 agosto, il governo portoghese ha approvato un documento che autorizza la coltivazione e lo sfruttamento del mercato interno della canapa.
Secondo il documento, la legge “stabilisce le condizioni, le autorizzazioni e l’ispezione che si applicano alla coltivazione, produzione, fabbricazione, occupazione, commercio, distribuzione, importazione, esportazione, introduzione, spedizione, transito, possesso per qualsiasi scopo e uso di piante, sostanze e preparati.”
Ecco le grandi linee:
• I Dipartimenti dell’Agricoltura e della Giustizia hanno una supervisione e un’autorità di controllo sulla canapa destinata a scopi industriali. Anche l’Istituto per il finanziamento dell’agricoltura e della pesca, insieme alla polizia giudiziaria, alla Guardia nazionale della Repubblica e alla pubblica sicurezza, avranno un ruolo nella regolamentazione e nella supervisione del settore e dei suoi schemi e regole.
Indipendentemente da ciò, e da dove la canapa viene coltivata, la stessa sarà soggetta a certificazione solo per le difficoltà già identificata dalle autorità, ovvero capire rapidamente quale pianta è (coltivare con THC più alto rispetto a piante a basso THC con meno dello 0,2%) .
Questa classificazione include tutta la canapa coltivata per il consumo non umano (cioè industriale) e il cibo animale.
• Le normative verranno applicate anche al mercato della cannabis medica, ovvero creando uno spazio a livello nazionale per la prescrizione legale di stupefacenti.
Imposta le tariffe per la coltivazione (3.000), le certificazioni aggiuntive (1.000) e le spese aggiuntive stabilite dal governo per licenza e certificazione“.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, NORMATIVA. Contrassegna il permalink.