VIRGINIA SI AGGIUNGE ALLA LISTA DI STATI USA CHE HANNO DEPENALIZZATO L’USO DI CANNABIS

Lo Stato della Virginia è diventato nei giorni scorsi il ventisettesimo Stato USA ad approvare la depenalizzazione di cannabis. Nonostante la legislazione, a livello federale, sia rimasta invariata sotto l’Amministrazione Trump, e quindi la cannabis rimanga una sostanza proibita, l’aumento di stati che ne hanno depenalizzato il possesso per piccole quantità rappresenta un importante segnale politico. Nell’opinione pubblica statunitense, secondo molte indagini e rilevazioni, la quota di coloro che sono favorevoli a una diversa legislazione sulla cannabis sono da anni in continuo aumento. Secondo quanto riporta un articolo di Aduc: “Secondo la legge, possedere fino a un’oncia di cannabis sarà punito con una multa di $ 25 senza alcuna pena carceraria o iscrizione nella fedina penale. L’attuale legge della Virginia prevede il possesso semplice punibile con una multa massima di $ 500, fino a 30 giorni di carcere e l’iscrizione al casellario giudiziario.
“Questa vittoria arriva dopo molti anni di intenso impegno da parte della Virginia NORML e dei suoi membri”, ha detto a Marijuana Moment Jenn Michelle Pedini, direttore esecutivo di Virginia NORML. “E mentre applaudiamo al Governatore Northam, alla sua amministrazione e al legislatore per aver fatto questo passo, è fondamentale che lavorino rapidamente per legalizzare e regolamentare l’uso della cannabis per maggiorenni”.
Anche Steve Hawkins, direttore esecutivo del progetto per la politica sulla marijuana, ha elogiato la riforma.
“La depenalizzazione del il possesso di cannabis in Virginia era attesa da molto tempo”, ha detto in un comunicato stampa. “Apprezziamo il legislatore e il governatore per l’attuazione di una politica che consentirà alle forze dell’ordine di concentrare le risorse su crimini più gravi e impedire ai residenti di rovinarsi la vita per possesso di cannabis, una sostanza più sicura dell’alcol”.
La Virginia diventerà ufficialmente il 27mo Stato a rimuovere il reato penale per possesso di piccole quantità di marijuana. La legge entrerà in vigore il 1 luglio, e sarà la prima legge in merito nel 2020.
Intanto, nella capitale della Virginia, Richmond, la scorsa settimana le autorità locali hanno approvato una risoluzione che chiede alla città di smettere di testare alcuni lavoratori per la marijuana come condizione per il loro impiego“.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, NORMATIVA, POLITICHE SOCIALI E SANITARIE. Contrassegna il permalink.