IL CONSUMO DI FENTANYL NEGLI STATI UNITI

L’aumento del consumo di Fentanyl negli Stati Uniti ha provocato una catastrofe economica parallela nelle zone rurali del Messico, chiamata la crisi messicana dell’oppio, poiché il prezzo è diminuito di più del 50% del suo valore dal 2017 al 2018. Secondo lo studio “Niente più oppio per le masse”, condotto dal gruppo di ricerca Noria, in associazione con l’Istituto del Messico presso il Wilson Center.

I membri del gabinetto di sicurezza del governo messicano sottolineano che la crisi economica derivante dalla caduta del prezzo della gomma da oppio ha portato i gruppi criminali a compiere atti illegali come rapimenti ed estorsioni contro gli abitanti delle comunità povere e che vi è una maggiore violenza per il controllo delle aree di coltivazione del papavero, sebbene queste aree non procurino più gli stessi vantaggi.
I dati del Ministero della difesa nazionale (Sedena) indicano che dal 1 dicembre 2018 al 29 febbraio di quest’anno le truppe dell’esercito messicano hanno distrutto 106 mila 265 piantagioni di papaveri, equivalenti a 15 mila 654 ettari, e assicurato 302 chili di gomma di oppio e 102 chili di eroina in tutto il Paese.

Il consumo di eroina si è ridotto
Lo studio Noria Research menziona che a causa della sua potenza, il fentanil ha causato un rapido aumento del numero di overdose attribuiti agli oppioidi sintetici. Si sono moltiplicati per 10 in soli quattro anni, da circa 3.000 nel 2013 a quasi 30.000 nel 2017. Il Fentanyl è ora la causa nel 60% delle morti totali da oppioidi.
I dati dell’agenzia farmaceutica statunitense (DEA) riportano che il consumo di Fentanyl ha ridotto l’uso di eroina (prodotta con la gomma da oppio che viene estratta dal papavero). Lo studio “Non più oppio per le masse” sottolinea che è difficile quantificare il cambiamento nel consumo di droghe, poiché piccole quantità di Fentanyl vengono spesso aggiunte all’eroina di bassa qualità per aumentarne la potenza, mentre in altri casi il Fentanyl stesso è pieno di prodotti inerti e commercializzato come eroina.
Gli autori dello studio –Romain Le Cour Grandmaison, Nathaniel Morris e Benjamin T. Smith–, pubblicato nel febbraio 2019, concludono che il reddito dei produttori di papavero da oppio e di gomma è diminuito tra il 2017 e il 2018, dopo aver superato 191 miliardi di pesos all’anno fino a 7 miliardi di pesos, il che ha provocato effetti sociali ed economici molto gravi nelle regioni rurali più povere del paese.

Calo dei prezzi da 18 a 8 mila pesos
Sebbene le aree di coltivazione del papavero si siano espanse, come nelle aree di produzione del papavero a Nayarit e Guerrero, “nella catena montuosa di Sinaloa si è registrato un calo molto simile del prezzo offerto per un chilo di oppio di circa 18 migliaia di pesos (950 dollari) nel 2017, tra 8 e 12 mila pesos (da 415 a 625 dollari) al chilo offerti dal raccolto 2018.
Anche Oaxaca ha visto la stessa tendenza al ribasso, dai prezzi di circa 20 mila pesos (10 mila 60 dollari) al chilo offerti nel 2017, a circa 6 mila pesos (315 dollari) al chilo nel 2018.
Lo studio è stato condotto in alcune comunità più povere rispetto alla media nazionale, dove il 61,6 per cento vive in condizioni di estrema povertà; Il 60% delle famiglie non ha accesso all’elettricità; Il 51% è senza acqua corrente e il 29% ha pavimenti senza mattonelle; mentre il 33,7% degli abitanti di età superiore ai 15 anni è analfabeta (a confronto, a Tepic, capitale dello stato di Nayarit, solo il 3,1% della popolazione non sa leggere). Nelle comunità di Guerrero oltre il 33% della popolazione vive in condizioni di estrema povertà (rispetto alla popolazione media statale del 24,5%), il 35,6 ha un reddito inferiore al livello minimo di benessere economico.
Lo studio indica che, data la situazione, molti agricoltori non stanno nemmeno recuperando gli investimenti che avevano fatto nel prodotto. Molte famiglie stanno perdendo la loro unica fonte di reddito; la quantità di denaro che circola nell’economia locale si è prosciugata quasi completamente; e molti lasciano i loro villaggi per svolgere lavori agricoli temporanei o addirittura per lavorare direttamente per i cartelli dei narcos.

Questa voce è stata pubblicata in ALTRE SOSTANZE PSICOATTIVE. Contrassegna il permalink.