INDAGINE EURISPES SU TABACCO ED E-CIG

Una sezione del rapporto annuale Eurispes è dedicata al tabacco e alle sigarette elettroniche. Attraverso la somministrazione face to face di 265 questionari, sono state indagate le percezioni, le abitudini e gli stili di consumo riguardo al fumo. La parte probabilmente più interessante dell’indagine è relativa a come incidono i prodotti senza combustione sull’abitudine di fumare le sigarette tradizionali. A riguardo, per i 2/3 del campione di fumatori le e-cig hanno sostituito le sigarette tradizionali: “Il 66,4% dei fumatori dichiara di aver completamente smesso di fumarle dopo aver provato i prodotti senza combustione e il 22,6% ne ha diminuito il consumo – osserva il rapporto – Solo il 5,7% ha mantenuto invariate le proprie abitudini nonostante utilizzi anche questi prodotti, l’1,1% fa un uso associato di entrambi i prodotti senza combustione, mentre lo 0,8% ha ripreso a fumare esclusivamente le sigarette tradizionali”.

Ciò appare coerente con le opinioni espresse sul livello di pericolosità dei diversi prodotti: “Tra i modi di fumare, la sigaretta elettronica “è giudicata la meno nociva”, quella tradizionale “è il prodotto considerato più nocivo”, ‘molto’ e ‘abbastanza’ nel 94,8% dei casi. Al contrario, la ‘e-cig’ è il prodotto al quale viene attribuito “un minore effetto dannoso (9,1%)”.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in TABACCO. Contrassegna il permalink.