ADOLESCENTI E GIOVANI ADULTI AUTORI DI REATO

Adolescenti e giovani adulti autori di reato: discontinuità giuridica e continuità psicologica
                                                                 Matteo Ciconali, Mauro Di Lorenzo, Alfio Maggiolini

In Italia coloro che commettono un reato tra i 14 e i 18 anni vengono giudicati dal Tribunale per i Minorenni, per gli adulti si attiva il Tribunale Ordinario.
Nonostante le notevoli continuità psicologiche tra l’adolescenza e la giovane adultità rese ulteriormente centrali dai cambiamenti culturali e sociali degli ultimi decenni, il compimento della maggiore età rappresenta, da un punto di vista giuridico, uno spartiacque importante poiché determina logiche di inquadramento e soprattutto di trattamento dell’antisocialità molto differenti. L’articolo si propone di approfondire questo tema anche grazie alla presentazione di alcuni dati di ricerca sul confronto tra adolescenti e giovani adulti autori di reato.

ADOLESCENTI E GIOVANI ADULTI AUTORI DI REATO: DISCONTINUITA’ GIURIDICA E CONTINUITA’ PSICOLOGICA
Matteo Ciconali, Mauro Di Lorenzo, Alfio Maggiolini
Rivista Minotauro, 2019, II, 6, 77 – 9 1

Questa voce è stata pubblicata in CARCERE, GIOVANI, NORMATIVA. Contrassegna il permalink.