PRESENTATO DISEGNO DI LEGGE SU LIBERALIZZAZIONE CANNABIS

Il senatore del Movimento 5 Stelle Matteo Mantero ha depositato al Senato e presentato alla stampa una proposta di legge sulla cannabis. La proposta di Mantero riprende, con alcuni cambiamenti, la proposta di legge intergruppo sulla cannabis discussa nella scorsa legislatura, ma bloccata dalla contrarietà della maggioranza dei parlamentari. Al centro della proposta di legge la possibilità di coltivare marijuana sia in forma privata che in forma associata, sulla base del modello in uso in Catalogna. Prevista anche la depenalizzazione della cessione gratuita fino a un grammo, se la coltivazione della sostanz aè avvenuta con regolare comunicazione alla Prefettura. Un articolo del Fatto Quotidiano così riassume i principali contenuti della proposta di legge di Montero: “Tre punti principali e 9 articoli: questo il disegno che il parlamentare ha portato all’attenzione del Senato. Come si legge nel documento, la liberalizzazione si attuerà consentendo la coltivazione della cannabis in forma individuale e associata, rendendo lecita la detenzione della sostanza entro determinate quantità e disciplinando le condotte illecite, prevedendo una differenziazione di pena in relazione alla tipologia delle sostanze (droghe pesanti, droghe leggere). In particolare i maggiorenni potranno produrre cannabis per uso ricreativo, coltivando al massimo tre piante di sesso femminile ciascuno. Consentita anche la coltivazione in forma associata (sul modello dei social club spagnoli), in numero massimo di trenta persone per ‘gruppo’. Dei direttivi dei ‘maria club’ però non potranno far parte coloro che sono stati condannati in maniera definitiva per alcuni reati “di maggiore pericolosità sociale (associazione di tipo mafioso, commercio illecito di precursori di droghe e associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope”). Per avviare la coltivazione, sia individuale sia in forma associata, sarà sufficiente comunicarlo alla prefettura competente, senza ricevere un’autorizzazione preventiva. Il provvedimento rende lecita anche la detenzione di una piccola quantità di cannabis, pari a 5 grammi, che possono arrivare a 15 se si detengono in casa. Depenalizzata anche la cessione gratuita di una modica quantità di cannabis (meno di un grammo) se coltivata in forma personale o associata. La violazione della legge, specifica il provvedimento, sarà considerata ‘illecito amministrativo’ e sanzionata con una somma che potrà andare dai 100 ai 1000 euro. I guadagni delle multe, però, si legge all’articolo 6 saranno reinvestiti per interventi formativi, educativi, preventivi, curativi e riabilitativi, attuati dalle istituzioni scolastiche e da quelle sanitarie per arginare il fenomeno delle tossicodipendenze. Tra le novità, specifica lo stesso senatore Mantero, anche una correzione della precedente normativa. “Ora sarà possibile vendere le infiorescenze nei cosiddetti ‘shop cannabis light’ anche per uso alimentare o erboristico, e non più solo tecnico come in precedenza”.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in CANNABIS, NORMATIVA, POLITICHE SANITARIE. Contrassegna il permalink.