APPROFONDIMENTO SULL’EROINA

Un articolo di Salvatore Giancane, medico e tossicologo, fa il punto sulle evidenze e sugli studi che hanno provato a mettere in relazione le dinamiche di mercato con la diffusione e il consumo di eroina. Oltre ai fattori più noti, in primis l’ampia disponibilità e il basso costo, ve ne sono altri che devono essere tenuti presenti, come la purezza o la concentrazione di principio attivo, che sembra influire in modo rilevante, ma non decisivo, sulla mortalità acuta da eroina. Commentando alcuni studi internazionale, Giancane afferma: “Tradotto in termini pratici, i risultati di questi studi suggeriscono che la comparsa improvvisa di partite di particolare purezza può spiegare la presenza di qualche decesso in più, non i focolai di crisi e nemmeno l’emergenza continua che si registra in alcune aree del nostro Paese. La purezza dell’eroina sarebbe sì uno dei fattori che determina le overdose ma, da questi studi, non sembrerebbe essere il maggiore determinante. Un peso molto maggiore nel determinare la mortalità acuta per overdose, invece, avrebbe la disponibilità di eroina (…) Anche i modelli del mercato dello spaccio al dettaglio, infine, contribuirebbero nel determinare la mortalità, che sarebbe più elevata dove più vivace è il mercato all’aperto e maggiore la concorrenza“.

Importanti e piuttosto nette le conclusioni di Giancane, che sottolinea il peso determinate assunto dalle politiche sanitarie e dall’accessibilità alle cure per ridurre la mortalità derivante da uso di eroina. “Sul ruolo delle politiche di prevenzione e di riduzione del danno e della disponibilità dei trattamenti con farmaci oppioidi nel ridurre la mortalità acuta per eroina, invece, la letteratura scientifica è sconfinata, al punto che risulta superfluo citarla. I determinanti del mercato illegale risultano tanto più efficaci nel provocare i decessi quanto più deboli sono le politiche sanitarie messe in campo e quanto è più difficile l’accesso ai trattamenti farmacologici. In conclusione, stando alle evidenze disponibili in letteratura, se le caratteristiche del mercato illegale hanno certamente un ruolo importante nel determinare la mortalità acuta per eroina, i fattori che vi contribuiscono sono molteplici ed i rapporti fra questi appaiono assai complessi. Fra essi, la purezza dell’eroina circolante non sembra essere quello con il maggior peso. Alla luce di ciò, qualsiasi ipotesi che metta in relazione i focolai di overdose che si registrano nel nostro Paese unicamente con la comparsa di partite di eroina ad elevato grado di purezza non può che essere considerata riduttiva e semplicistica“.

LINK ALL’ARTICOLO

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZE, NEW ADDICTION, NORMATIVA, SANITA', SOCIETA'. Contrassegna il permalink.