CONTRASTARE IL BULLISMO, IL CYBERBULLISMO E I PERICOLI DELLA RETE. Manuale operativo

bullismoSegnaliamo un volume che riteniamo di grande interesse per gli operatori e docenti delle scuole primarie e secondarie.
Questo libro-manuale offre uno strumento di aiuto efficace e aggiornato ai tanti docenti e operatori che lavorano nella scuola e nei servizi educativi. Gli autori sono stati membri della Commissione Nazionale sul Bullismo e consulenti del Ministero della Pubblica Istruzione e della Ricerca per la realizzazione del sito www.smontailbullo.it.

Sono passati quasi vent’anni dalla comparsa dei primi libri sul bullismo in lingua italiana ed è giusto chiedersi se abbia ancora senso proporre pubblicazioni su questo tema, dopo che moltissimo è stato già detto sul piano teorico, esperienziale e della ricerca. Rispetto al bullismo che abbiamo incominciato a conoscere vent’anni fa la novità sta nell’utilizzare cellulare e internet per ferire altri, grazie al sorpasso che i ragazzi – nativi digitali -, hanno operato impadronendosi di strumenti che genitori e insegnanti non sempre riescono a dominare. Ma la conoscenza degli strumenti e dei loro limiti, pur fondamentale, non è sufficiente se non si è capaci di entrare in relazione con bambini e adolescenti. Occorre che ci assumiamo fino in fondo quel ruolo di guida che i più piccoli “pretendono” da noi, per nulla saturati dalle relazioni artificiali.
Questo libro riprende il discorso dal principio e lo attraversa, dalla teoria alla pratica, proponendo per ogni argomento una selezione di attività adatte ai diversi livelli di istruzione, dalla scuola primaria alla secondaria di 1° e 2° grado.
Il primo capitolo della parte teorica, e specularmente anche la prima parte del manuale di attività, riguarda i meccanismi di costruzione del gruppo e le caratteristiche del bullismo in generale, con l’attenzione a distinguerlo da altre forme di inquietudine, aggressività o disturbo che bullismo propriamente non sono e che necessitano di interventi di altra matrice.
Gli strumenti per favorire la costruzione del gruppo, per leggere le dinamiche di una classe già costituita o per approfondire il tema del bullismo sono stati messi a punto per target di età differenti, un’attenzione che riproponiamo anche nei capitoli successivi del manuale.

La seconda parte, nella teoria e nelle attività, mette a fuoco le prevaricazioni tra pari che hanno radice nella discriminazione di alcune categorie di persone, maggiormente esposte perché ritenute “diverse”. Parliamo delle prepotenze verso ragazzi di altre culture o religioni, alunni disabili, persone omosessuali o ritenute tali, ragazze oppresse dai compagni maschi per una supposta superiorità di genere. Attività specifiche e per i diversi livelli di istruzione vogliono aiutare gli adulti ad affrontare in classe i temi dei diritti uguali tra persone tutte diverse.

Nella terza parte, cambiamo piano – dal “perché” del bullismo al “come” -, per parlare di cyberbullismo, quello che utilizza internet o il cellulare come strumento di aggressione o di divulgazione, sottolineandone i possibili rischi estremi sia per l’equilibrio della persona offesa, sia per la rilevanza penale dei comportamenti.
Alla media education e ad alcuni pericoli della rete, il sexting, sono dedicati gli ultimi due capitoli nella sezione teorica e l’ultima parte del manuale operativo. È certo infatti che, come altri strumenti tecnologici, il cellulare e la rete costituiscano una meravigliosa opportunità di apprendimento e di relazione. Per questa generazione di bambini e ragazzi sono presenze naturali e irrinunciabili e divengono un prolungamento del sé su cui investono molto, che agli adulti piaccia o no.

Per tutte queste ragioni è importante capire il loro punto di osservazione sui media e aiutarli ad esplicitarlo e a metterlo in discussione, confrontandosi anche con i rischi. Conoscere le regole della navigazione è fondamentale per arrivare all’approdo senza fare, senza farsi, troppo male.
Questo libro-manuale è sicuramente un valido strumento, che crediamo possa essere di aiuto a tanti docenti e operatori che lavorano nella scuola e nei centri educativi. È possibile scaricare online diversi strumenti operativi: giochi dell’oca con le varie legende, carte sul bullismo e cyberbullismo e questionari.

Contrastare il bullismo, il cyberbullismo e i pericoli della rete. Manuale operativo per operatori e docenti, dalla scuola primaria alla secondaria di 2° grado. Con Contenuto digitale (fornito elettronicamente)
Elena Buccoliero,Marco Maggi
Franco Angeli, 2017
Collana: Educare alla salute:strum.ricerc.percorsi

Questa voce è stata pubblicata in GIOVANI, SOCIETA'. Contrassegna il permalink.