SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE: I RISULTATI

tag dipendenzeE’ disponibile il report sull’attvità, nel periodo compreso fra 1 giugno 2016 e 28 febbraio 2018, del Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe (National Early Warning System). Il Sistema, parte integrante di un network che coinvolge tutti gli Stati Membri dell’Unione Europea, è finalizzato, da un lato, ad individuare precocemente la comparsa fra i consumatori di nuove droghe potenzialmente pericolose per la salute pubblica, dall’altro, ad attivare le segnalazioni di allerta che coinvolgono le strutture deputate a questo scopo. “Nel periodo dal 1 Giugno 2016 al 28 Febbraio 2018 il Sistema Nazionale di Allerta Precoce ha prodotto una serie di comunicazioni, riguardanti un complessivo di 148 sostanze (…) di cui n.26 Allerte: avvisi a carattere di urgenza che implicano un’azione coordinata tra tutte le strutture competenti per l’attivazione e l’implementazione di opportune procedure di risposta al fenomeno segnalato. Secondo la gravità dell’oggetto dell’allerta e quindi, del potenziale rischio per la salute pubblica, i documenti in uscita vengono definiti come Pre-allerta, Allerta di grado 1, 2 o 3 secondo criteri predefiniti. Le Allerte (di grado 1, 2 e 3) hanno riguardato 25 molecole appartenenti alle classi degli oppioidi sintetici (n.9), fenetilamine (n.7), cannabinoidi sintetici (n.3), piante (n.2), aricicloesilamine (n.2), catinoni sintetici (n.1) e la cocaina“.

Questa voce è stata pubblicata in DIPENDENZE, NEW ADDICTION, NORMATIVA, NUOVE DROGHE, SANITA'. Contrassegna il permalink.